accedi   |   crea nuovo account

Vieni qui che nessuno ci sente

Capiterà
come foglie vive scosse dal vento
e capirò
come si spiega l'amore agli angeli

sceglierò
tra la mia vita e la tua felicità
finirò i miei giorni
ma sarò
e il canto degli uccelli
diverrà per te fonte di angoscia
e di estrema cura del mio tempio

gli anni della prigionia saranno cancellati
ma io sarò.

Non so
se per questo tempo
a te solo devota
sarò giudicata

ma tu ricordami
come foglia viva
scossa dal vento

l'ombra di seta
che circonda i tuoi sogni

la stranezza di ciò che è imperfetto
ma che solo il cuore
può nutrire.

Tu
che di me
hai solo l'apparenza
la malinconia
che permea nei respiri

la forza
contro cui combatto
che sembra non stancarsi mai
e il mio spirito
a te donato.

Potrei essere eternamente
e capitare
come foglia morta caduta dal suo ramo
e capire
perchè ora sono un angelo
e imparare
che tra la mia vita
e la tua gioia
io non posso scegliere

perchè nel giorno della redenzione

la mia passata esistenza

sarà cimelio del tuo spirito

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • augusta il 16/07/2014 08:40
    Tylith nei suoi commenti è sempre perfetta.. sa veramente cogliere l'essenza con ampie spiegazioni... mi associo al commento di Tylith.. 1 beso.. brava
  • Chira il 15/07/2014 11:16
    Amore totalizzante che arriva intatto fino all'oltre! Brividi di emozione.
    Chiara
  • tylith il 23/08/2012 10:48
    Poesia tanto bella quanto complessa, molto articolata in un giro di parole che abbracciano metafore ricercate per la loro profondità. Davvero brava!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0