username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La navata centrale è chiusa

Nel giorno di San giovanni, in Firenze
ecco la chiesa di S. Maria Novella
i battenti chiusi, carenza di personale.

Solo due giovani nel corridoio
assolato, che porta in una stanza
dedicata al silenzio, e all'ombra.

Di chi devastato, si alza, appena riposato
di due anziane che guardan nel vuoto,
di una rom che sbatacchia, fuori

il suo bicchiere in plastica.
I domenicani sono fuori o troppo pochi
i sabatini ancora sotto sbornia

marte e urano continuano forti
la loro influenza.
Ma la navata principale è chiusa.

Patrimonio culturale abbandonato
che si sà non è solo questione di rèligio,
ma di impegno, saggezza e compassione.

 

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 25/06/2012 07:14
    Incomprensioni ecclesiastiche o cose italiale... meno male che la Nazionale ci tira sù...
    CONDIVISIBILE ATTACCO... CIAO RAFFAELE

4 commenti:

  • Anonimo il 25/06/2012 14:23
    Che tristezza e quale enorme responsabilità, specie in tempo di carenze economiche diffuse, per la nostra Italia ricchissima di bellezza e cultura! Non lo si ricorda mai troppo spesso. Bravo.
  • Nicola Lo Conte il 25/06/2012 10:16
    Molto vero... e molta tristezza per come vanno le cose!!!
  • Anonimo il 25/06/2012 10:08
    Io vivo a Genova. Una citta molto antica tutta da restaurare. Hanno ridipinto quelli che una volta erano gli affreschi di alcuni palazzi... Hanno costruito un 'acquario e innalzato un momumento nuovo... E poi palazzi e palazzi nuovi. Se tutti questi solti li avessero usati per mettere a posto il centro storico avremmo una città che tuttio ci invidierebbero... Immagino lo sconcerto di chi vive a Firenze
  • Teresa Tripodi il 25/06/2012 01:23
    ottima riflessione e denuncia la tua... bravo Raf...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0