PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Stagnanti

Vedo aghi di spillo negli occhi vuoti
delle persone lungo i marciapiedi.
Ti parlo, Ti scuoto, ma tu non mi vedi
con la testa al sole, sento che nuoti.

Non sei un precipizio, sei tu l'abisso.
il nero sul volto e col cuore assente.
Sedato del tuo animo bollente,
diventato schiavo del compromesso.

Quando ti sei tolto la ruggine,
sei finito col spezzarti.
Il cupo epilogo:
Rassegnarsi.

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0