username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Rogo di Parole perdute

Quel giorno,
oppressa da indicibile tedio,
chiamerò a raccolta le mie muse,
le pregherò di porgermi un aiuto.

Quel giorno innalzerò
covoni di parole, saranno immensi
e altissimi,
li immolerò all'amore,
dal rogo, si leveranno scintille
di policromi desideri abortiti,
di ali e vele strappate.

Di parole tagliate con lame di fuoco,
sul nascere,
prima ancora di riuscire,
per un istante, a vivere.

Pensieri e aneliti perduti, smarrimenti onirici,
Labirinti esistenziali, esiti imprevedibili.

Il sogno, divenuto "aguzzino" del vivere,
dipendente, aggrappato,
totalmente "inerme e indifeso",
come cucciolo di acquatiche vite,
che suscita tenerezza infinita,
in coloro che abitano il mare.


Il mare,
il mare,
il mare dentro il mare,
sotto il mare,
penetrati dal mare,
posseduti dal mare,
allamati dal mare,
prigionieri del mare,
sudditi del mare,
inquilini abusivi del mare,
sfrattati dalle onde anomale,
deprivati dalla sua musica sinfonica
dai suoi inusitati boleri,
dalle sue struggenti "toccate e fughe",



Il mare,
quel mare, che forse, non vedrò mai.
Anzi ne sono certa.
Morirò, in un rogo di parole.

12

5
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 04/07/2012 14:34
    Un serto floreale estivo innaffiato da acqua refrigerante per questa tua veramente tanto tanto bella!

6 commenti:

  • Anonimo il 27/06/2012 11:38
    bellissima lirica... metafore meravigliose... per una passione che trasporta travolge, come sa essere travolgente... il mare!... complimenti poetessa molto bella
  • loretta margherita citarei il 26/06/2012 20:20
    mi complimento, bravissima
  • Alessia Lombardi il 26/06/2012 20:10
    Splendida lirica
    I miei complimenti!!
  • Rosa Maria Marongiu il 26/06/2012 19:16
    Il mare, il mare, il mare... lo troverai anche tu e può essere proprio la forza della parola a curare il dolore e a ritrovare il refrigerio del mare. Poesia molto intensa e sofferta.
  • anna marinelli il 26/06/2012 19:11
    Grazie Fabio, amico mio... finalmente ti ritrovo!
  • Fabio Mancini il 26/06/2012 17:49
    Nessuno come te, sa poetare sul mare. Bello e ben strutturato il tuo stile che sai apprezzo! Un sorriso gentile, Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0