username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

I Vecchi del Paese

I vecchi del paese
s'incontran nel bar
le sere d'estate:
son sei o forse sette,
e si lancian sfide di scopa o tressette.
Bevon birra in grandi boccali
per dimenticar del mondo i mali,
scoppian poi in lite banale
per una carta giocata male;
circondan la slot o tentan d'azzardo:
il lor sogno è vincer'un miliardo!

I vecchi del paese
spesso stan a lamentarsi
delle mogli o dei ragazzi;
e col viso illuminato dalla luna
e dai lampioni
trattan'i baristi come dei garzoni:
- Presto! Porta qui un po' di vino!
Forza, capo, un bel panino! -
Delle signore guardan le gonne
o se han belle le gambe;
e s'ammiccano lo fanno
solamen' per darsi un vanto.

Ma verso casa,
per la via,
negl'occhi lor c'è malinconia
per una vita che fugge via:
altro non v'è che
triste squallore,
di chi s'accinge al tramonto
con gran dolore.

 

3
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Centrone Stefano il 01/07/2012 12:53
    Cara Ale, non potevi presentar meglio il mondo dei vecchi.
    Sei molto brava a scriver poesie e anche con le rime.
    Secondo me, dopo aver letto un paio delle tue poesie, hai la stoffa della poetessa.
    Io, sinceramente, parlando di questa poesia, non potevo scrivere di meglio.
    Complimenti vivissimi.
  • Anonimo il 26/06/2012 22:21
    Ottime rime che descrivono coloro che hanno vissuto un'epoca intera e vedono il tempo farsi tiranno. Questa poesia, soprattutto nell'ultima strofa, mi riporta al ricordo dei miei nonni e dei miei genitori, che purtroppo non ci sono più.
    Complimenti sinceri.

4 commenti:

  • denny red. il 02/07/2012 02:05
    Quando il tempo stringe.. i passi son più lenti.. è un tempo che lascia lì.. sulla via di una vita..
    Bella!! Alessia, Intensa..

  • laura il 28/06/2012 23:16
    Complimenti, poesia molto dolce e malinconica. I vecchietti che giocno a carte, nascondono la paura di una vita arrivata alla fine, ma che quando restano soli esce la solitudine e la tristezza della realtà! Mi è piaciuto molto questo affiancamento tra inizio e fine. Bella
  • Ellebi il 27/06/2012 00:09
    Magistralmente descritti i vecchi di paese. Dei piccoli paesi di una volta, ma è così giovane la poetessa che bisogna chiedersi dove li abbia visti. Forse i vecchi di questi tempi non sono molto diversi di quelli dei vecchi tempi. Complimenti e saluti.
  • anna marinelli il 26/06/2012 22:24
    ho dato un balzo nel leggere il titolo di questa poesia, anche io ne una con lo stesso titolo, anche la tua è bella! complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0