PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Er borgataro

Sarà puro burino,
veste quattro stracci
e parla er romanaccio,
ma ciò che in mano
cià,
fusse solo
na rosetta
de fantasia farcita,
cor vicino
se la sparte
e anche sazi
se sentono;
pecché so romanacci,
ma cor core granne granne,
che a le soglie
der Paradiso
se senton già.

 

2
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 28/06/2012 15:26
    Er borgataro de Roma la vita... "se la sparte"... nella povertà c'è ancora un cuore che batte...
    BRAVO DON... CIAO

5 commenti:

  • silvia leuzzi il 08/02/2013 12:57
    Ma 'n do stanno sti romani amico mio? manco ar trullo o a primavalle se troveno più ahahah l'individualismo borghese ha contaminato l'anima bella de Roma nostra.. carina
  • roberto caterina il 30/06/2012 15:42
    Piaciuta questa tua incursione borgatara...
  • loretta margherita citarei il 28/06/2012 15:00
    i romanacci ringrazieranno piaciuta
  • Anonimo il 28/06/2012 14:28
    Una perfetta fotografia, in un dialetto caro a tanti perchè densissimo di ricordi, della GIOIA SEMPLICE: quella che fa così bene sia all'anima che al corpo.
  • Ellebi il 28/06/2012 14:14
    Molto bella, versi snelli ed efficaci, che pure io del Veneto profondo, capisco. Saluti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0