username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Destino

Concedimi un lasso di tempo perduto,
l'imperfetto percorso
e il deambulare di un sogno.

Arricchiscimi il corpo d'essenza,
per godere la luce soffusa
di un'alcova rossa, dismessa dal giorno.

Oh, solerti carezze imbevute d'assenzio
e un proibito solfeggio di mani
su tastiere di carne, voluttuose manovre.

Irroriamoci il verbo che tace
di pulsanti parole carnose
che le turgide labbra dischiuse
pronunciano ancora e per sempre...
ma nulla è per sempre,
anche l'alba d'effimera luce,
si dissolve sul mare, scompare
ed il vento che alita odori,
sulla cresta dell'onda si stende
ma non resta che l'attimo e il volo,
di un momento che striscia, si perde
ed affonda tra scogli d'affioro.

Nulla è per sempre.

Il destino che all'erta si muove
e disegna incompiute allegrie,
si nasconde, celato si muove
dietro stracci di sipari e di nubi.

È l'assenza che alza la voce
nell'afflato che il cuore ci dice
e restiamo solerti viandanti
a cercare la pace,
-la sua luce-

 

3
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 30/06/2012 15:18
    Struggente versicolato... forgiato con senno...
    CIAO MANUELA

3 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0