username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

I pensieri non son fatti per volare

Nella calura
la fisicità sorprende nel suo sentire,
i pensieri non son fatti per volare
e cadono come gravi galileiani
tonfi di sassi, nera antracite.

Nel sudore del corpo
avverto le pieghe della carne
fatte ad ospitare ogni stilla
m' accorgo della mia fronte
più umida della palude lagunare.

Il caldo ti ricorda il corpo:
le gambe accavallate in una tregua,
i palmi delle mani come assetati
le reni flesse a sopportare.

Nella calura
i pensieri non son fatti per volare.

 

3
5 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 01/07/2012 13:54
    IL pensiero può scientificamente esser quantificato, sembra una stupidaggine ma in effetti è causa come il dire e fare, del nostro agire, arriva sempre a bersaglio se siamo in salute. Ne è un esempio la preghiera mirata per far si che qualcuno cui si vuol bene possa star bene e in effetti lui si sente meglio: Bellissima poesia, da il senso di pesantezza, di fatica, dovuto a questo clima ma non solo, in senso astratto a questo momento difficile e duro che stiamo vivendo. Piaciuta davvero tatntissimo!!!!!
  • Teresa Tripodi il 01/07/2012 00:06
    come se fossero vapori... magari fosse così ... descrizione quasi del tutto visibile della posura in tutto il suo riflettere... metafora della palude da applaudire per la sua chiave quasi "stagnante" che sta a sottolinere il fatto del riproporsi di ció che è il problema della propria persona, quasi fosse specchio... pesanti goccie che scendono e cadendo comunicano ció che sono i perchè... davvero bella in tutta la sua descrizione e introspezione.

5 commenti:

  • Francesca La Torre il 12/07/2012 16:12
    Oggi e' una giornata caldissima e condivido pienamente cio' che scrivi:la mente vorrebbe essere vuota. Piaciuta.
  • Giuseppe Amato il 11/07/2012 09:46
    Un vero quadro: "Donna nella calura" Più d'un quadro con macro particolari che evidenziano l'analisi vitale che è in te
  • Anonimo il 02/07/2012 16:11
    hai ben reso l'idea della pesantezza... di pensieri pregni di calura di umido... il calso sfiacca ed anche pensare diventa ardua impresa... molto bella... ciao Morry...
  • Ellebi il 01/07/2012 00:04
    Sono Ellebi, anonimo ma non del tutto. Saluti ripetuti.
  • Anonimo il 30/06/2012 23:58
    Ci credo, a Venezia la calura è anche più pesante, fiacca i muscoli, affanna il respiro, e poi i turisti sciamanti ponti e calli, sono un vedere scoraggiante, come fanno a volare i pensieri? Forse bisogna aspettare la sera, magari la notte, allora è un'altra Venezia, allora forse qualche pensiero vola. Come al solito hai composto una ottima poesia, chiara ed efficace, quelle che piacciono a me. Complimenti e (caldi) saluti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0