PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ombre

Fruscii di gelsomini,
scossi dal vento, sfiorano
lievi la finestra del cielo.
Il loro profumo sale,
introduce la sera
fragrante di primavera.

Nell'ora quieta
e nella penombra rotta
da vaghe trine,
che adornano pareti
-come danzatrici
dalle sinuose movenze-
salgono nell'aria note
d'un vecchio valzer.

Ritrovo una smarrita memoria,
nel gioco dono al cuore
voglia inenarrabile
del primo amore.
Bello e impossibile.
Dolore mai sopito.
E nel sopraggiunto buio
il mio fantasma
scivola nel nulla.

 

3
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessia Lombardi il 01/07/2012 20:20
    Una poesia struggente, malinconica.. un verseggiare profondo e toccante..
    Vivissimi Complimenti!!
  • Rocco Michele LETTINI il 01/07/2012 15:01
    Toccante versicolato... scivolato col cuore piangente per un cuore assente...
    CIAO ELISA

3 commenti:

  • vincent corbo il 01/07/2012 18:08
    Una poesia molto equilibrata e per questo si fa apprezzare.
  • Salvatore Maucieri il 01/07/2012 17:29
    Bella opera. Lo stile scorrevole cattura durante la lettura. Bella la chiusa. Molto piaciuta. Complimenti. Ciaooooooooooooo
  • loretta margherita citarei il 01/07/2012 16:50
    molto bella apprezzatissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0