accedi   |   crea nuovo account

Il bambino colonizzatore

Vedi il mare, disse il marinaio al bambino,
conosco un posto dove tutto ciò,
si è prosciugato.
Vedi le verdi praterie, disse il contadino al bambino,
conosco un posto dove tutto ciò,
è appassito.
Vedi le accoglienti case, disse l'ingegnere al bambino,
conosco un posto dove tutto ciò,
è crollato.
Vedi questo quadro, disse il pittore al bambino,
conosco un posto dove ciò,
è stato cancellato.
Vedi questo libro, disse il profeta al bambino,
conosco un posto dove ciò,
è stato frainteso.
Vedi questa terra, disse il pellerossa al bambino,
conosco un posto dove tutto ciò,
è stato sottratto a me e alla mia gente.
Vedi questo popolo, dissero i nuovi martiri al bambino,
conosco un posto dove esso,
è tutt'ora straziato.
Ogni ticchettio dell'orologio,
batteva una lacrima sul volto del bimbo,
conosco molto bene quel posto disse.
Sono stanco di sentire racconti,
voglio mani per costruire una nuova strada,
voglio continuare a bagnarmi in quelle acque,
non a rimpiangerle,
voglio coltivare quella terra,
non abbandonarla,
voglio ricostruire mattone su mattone,
non vivere tra le macerie,
voglio restaurare quell'opera,
non lasciare che il tempo la inghiotta nel suo oblio,
voglio che quel libro sia riscritto,
non voglio più spargimenti di sangue,
voglio raggiungere una terra da condividere,
non da contendere,
voglio che l'umanità diventi cieca,
e guardi il mondo con gli occhi dell'anima.
Siamo vecchi risposero singhiozzando,
non possiamo aiutarti a plasmare questa strada,
tuttavia in ogni mattone che poserai,
in ogni passo che avanzerai,
in ogni lacrima che verserai,
in ogni gioia che proverai,
ricordati di noi
e noi vivremo in eterno.
Si dice che il giovane abbia camminato a lungo,
abbia costruito una bellissima città,
pochi sanno tutto ciò,
hanno preferito ignorare,
non vogliono in alcun modo che si sappia,
che la verità non è quella in cui vivono.
Il giovane ora non lo è più,
sta seduto all'entrata della città,
chiedendosi giorno e notte perché non lo raggiunga nessuno,
inizia a credere che la realtà,
non sia la sua.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0