PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pietre

Ho acceso parole
tra il tuo sentire e
il mio
quel che giusto o quel che sbagliato,
cuore sano
un solo sgomento si protrae
per decine di soli
e l'immagine di te
scolpita nella mia mente
e non può essere sempre luna
quel fluire
che abbiamo sempre nel cuore
un sogno marcio forse
che lo inganna
un manto stellato
nel fascino ammaliato
dove il perché è muto
t'ho incontrata centinaia di volte
e centinaia t'ho aspettata
corteggiata da foglie
sonando l'arpa delle voglie
il vento gelido del tempo si chiama tempesta
frusta la mente
buonanotte a te che non hai fortuna
e della morte conosci la via
là posso andare
via lontano
percorrendo
finti umori,
finti sentimenti,
facce
dipingere tele bianche
come se fossero
oro
i raggi d'un corpo riverso
e lì
il respiro del mare
è forte
e grosse onde
a rinfrescar l'anima
per volontà dei dubbi
fluttuosa
venere nascente
rimuovi
col tuo sguardo
i passi
e solo dopo aver tanto camminato
ti accorgi del sentiero
dei sassi.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • tylith il 02/07/2012 17:06
    Nell'attesa del vero amore, ci si ferma e si aspetta o si cantano canzoni d'amore sonando "l'arpa delle foglie" e tutto sembra inutile, le parole fanno fatica a giungere se la donna non è quella giusta. Solo quando giungerà la Venere nascente il Poeta potrà vedere tutti i passi fatti su terreni di pietre che aguzze hanno lasciato anche profondi tagli che saranno riemarginati dal vero amore.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0