username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Vieni con me

Oggi ti porto
in quel viottolo di campagna,
la terra vicina al muretto
è ancora bagnata di rugiada,
attento a non calpestare i non ti scordar di me,
vedi, la primavera fa già capolino
con le bocche di leone,
se alzi lo sguardo
c'è la nuvola dei mandorli in fiore,
tutto trasuda d'immenso
è appena spuntato il sole,
ed ho il cuore contento,
non aver timore
il silenzio è arcano,
ma se ascolti
senti il vento lontano,
lui giunge sempre piano,
poi ti avvolge
ed in tutta fretta
entra nella tua giacca,
e la gonfia come una vela,
ma, dico io,
oggi non voglio volare,
son qui per camminare,
e voglio solo respirare,
lontano lontano sento persino l'odore del mare,
procedi piano,
io vengo spinta innanzi
dall'ansia di arrivare,
ma rifaccio i miei passi,
e ti osservo,
guardi al di là del muro a secco
il gregge raggrupato nell'insieme,
dorme ancora,
un cane guardingo alza l'orecchio,
ma non abbaia,
e tu incantato
ammiri gli ulivi che storti o dritti
levano tutti le braccia al cielo,
è tutto musica,
è natura,
ci sediamo su quelle pietre
che san d'antico
gia calde di sole,
e sillabiamo
un concerto,
ecco si è svegliato il creato,
oggi con te
non è un giorno sprecato."

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 03/07/2012 06:43
    Un versicolato scorso con melanconico umore... tal è il nostalgico che c'è in me... che mi rivedo protagonista di un un passato che non torna e non muore con... l'oblio
    Il mio apprezzamento... BUONA GIORNATA CATERINA

1 commenti:

  • Alessia Lombardi il 03/07/2012 01:44
    Lirica apprezzatissima.. I miei complimenti!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0