accedi   |   crea nuovo account

Ora

Ora. Alte mura e occhi spettrali
s'incendiano nella notte.
Un nastro d'acciaio
ha ferito la terra
e si insinua nel bosco di robinie,
hanno tagliato il nostro albero
spaccando i ricordi.
Non più uccelli dai carillon sonori
e arpe d'aria,
arrivano solo monotoni e stridenti suoni
di motori.
Salgono dai mille camini
fumi nerastri
fino a coprire il nostro sole.
Il vento, senza aspettare l'autunno,
porta nel suo gioco stanche foglie
staccate da alberi feriti.
Le polle sorgive
non lambiscono più i riarsi prati.
Allora. Cespugli di rose
al suono di calabroni ronzanti
cantavano nel sole.
Il vento lasciava scie biancastre
nel cielo così azzurro
che faceva male al cuore
e, ad ogni soffio
accarezzava vesti e malleoli di bimbi in fiore.
Sotto la siepe di forsizie
che porgeva rami d'oro a Febo
raccoglievamo le prime viole.

 

2
4 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 03/07/2012 22:12
    Letta e riletta complimenti
  • Anonimo il 03/07/2012 19:14
    Ora e allora in una poetica contrapposizione del tempo e del sentire in funzione del tempo stesso. Poesia di immagini descritte con garbo e delicato senso dellla consapevolezza di ciò che oggi sentiamo diverso rispetto ai tempi migliori della nostra vita.
    In funzione di questa mia interpretazione, e solo per questo, avrei privilegiato un titolo più esplicativo: ORA ED ALLORA
    Ciao
    Aurelio
  • Rocco Michele LETTINI il 03/07/2012 19:10
    Un scorrevole versicolato... piaciuto...
    BUONA SERA ELISA
  • jessica il 03/07/2012 17:20
    Carina, concentrati meglio sul contenuto

4 commenti:

  • Anonimo il 25/01/2014 13:28
    un verseggio delicato e bello... lirica apprezzata in una stupenda chiusa...
  • Salvatore Maucieri il 03/07/2012 20:04
    Il tema sempre difficile da affrontare ma vedo che tu ci sei riuscita egregiamente. Piaciuta. Ciaoooooooooo
  • Anonimo il 03/07/2012 17:37
    Mi ritorna alla mente Sergio Endrigo e la sua arca di Noè.
    Bellissima elisa.***** Franco
  • loretta margherita citarei il 03/07/2012 17:11
    splendida complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0