PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Odio...?

Curo il sottobosco in modo antico
lasciando pascolare i pensieri
ad intreccio con le fragoline
Rastrello il fogliame quercino
un piccolo fuoco lavora con me
rigenerazione vegetativa
Oggi la cenere fuma ancora
sottile segnale di cova
calamita di nuovi pensieri
Ecco l'odio nascosto che brucia
richiamo d'ardente sentire
Vedo l'odio paziente che cova
brucia non visto sotto il grigio cinereo
effimera coperta alle ragioni di brace
Nella cura delle fasce dimentico
ma un solo filo di fumo in fuga
riaccende i motivi d'un grande dolore
che spengo con olio di odio
guardiano delle mie vendette

 

3
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Grazia Denaro il 06/07/2012 20:43
    L'olio è un elemento che alimenta sia il bene che il male, spetta a noi capire per dove dobbiamo propendere. Una lirica notevole, che induce il lettore a riflettere. Apprezzata!

3 commenti:

  • Anonimo il 11/07/2012 10:20
    vesi intensi, di spessore... metafore forte e ben scritte... sottobosco di un mondo antico, dove sotto cova ancora l'odio... sentimento forte che come l'amore prende e tocca il cuore... molto bella poeta complimenti...
  • loretta margherita citarei il 04/07/2012 20:24
    profonda poesia complimenti
  • jessica il 04/07/2012 13:51
    poesia molto raffinata, in alcuni versi ripetitiva, rievoca troppo spesso le stesse immagini, nel complesso accettabile.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0