username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La fine delle idee

Le idee sono state azzerate
da uno strano congegno
a forma di castello.
Non l'avevo mai visto prima,
ma sapevo già come funzionava.
Poi è scomparso
il mio anello di fidanzamento.

Il caso durò due o tre giorni,
quando il mondo tornò alla normalità
rimase solo quell'assurda storia
delle idee che non si trovavano.
Dopo due decenni
potrei anche dire mai più.

Anche se il tempo
non è mai stato dalla mia parte
non me la sento d'accusare
lo spirito del vento,
che m'attrasse quella sera
in quella parte del campo.
Che sia maledetto
non l'ho mai saputo,
la gente ha la lingua biforcuta.

Avessi la forza per alzarmi
e andare fuori a raccontare
la vicenda senza condirla
con questa stupida ironia,
forse potrei ottenere
la restituzione di almeno
un cinque percento
di quello che fu mio.
Il tre non mi servirebbe a niente.

Nulla si crea e nulla si distrugge,
vecchia cantilena
imparata alle elementari.
Proprio ieri in televisione
qualcuno ha annunciato
la scoperta della particella di Dio.
La parte comica
della formazione della materia
sta nella clamorosa assenza
di un certo modo di pensare.

Del resto, chi dice
che il futuro non è mai esistito
di solito nasconde
qualcosa di grosso in cantina.

12

3
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 08/10/2013 07:38
    apprezzata complimenti
  • Maria Luisa Melo il 06/07/2012 12:00
    Non solo è una bellissima poesia ma è anche profonda anche quando diventa ironica e nella sua ironia ti strappa un sonriso.
    Ma anche è una sida che parte domani: La caccia al ladro
    partirà alle diciotto di domani.
    I volenterosi sono tutti invitati,
    insieme a quelli che
    non se la fanno sotto
    quando vedono un topo.
    Io non ci sarò,
    sto dipingendo la parte
    più remota della casa.
    Non ho cantine,
    ma una soffitta, quella si.
    E in trent'anni di pazzia
    non ci ho mai guardato veramente.
    Chissà che non mi nasconda l'uscita.
    IO DOMANI CI SARO' NON ALLA CACCIA DEL LADRO... MA PER SENTIRE "COSA STAI VEDENDO OLTRE LA SOFFITTA...

    Maria Luisa Melo, poetessa lirica-italo-argentina.

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0