accedi   |   crea nuovo account

Figlio delle more

Due more,
appena spuntate
da uno selvaggio cespuglio
apparivano,
e tu con me
eri,
occhi del mare
i miei guardavano
e con le more
andati siamo,
in un mondo
blu e nero
come tu
volevi,
e nato
è,
il frutto
più buono
che c'è.

 

2
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 07/07/2012 16:01
    Raffinata assonanza ed accostamento evocativo dal frutto descritto all'amore. Complimenti per questo tuo notevole poetare.
  • Rocco Michele LETTINI il 06/07/2012 20:11
    ..."il frutto
    più buono
    che c'è"...
    Le more... una sola lettera mancante e corredi l'a_M_O_R_E... lo romantico amor...
    APPREZZATA DON POMPEO... BUONA SERATA

4 commenti:

  • Anonimo il 07/07/2012 22:08
    SICURAMETE UN FRUTTO DELIZIOSO.. BELLA DON...
  • silvana capelli il 07/07/2012 12:08
    Concordo con Rocco, perchè è pure il mio sentimento.
    Romantico a-MORE...
  • roberto caterina il 07/07/2012 10:06
    Bella.. può l'estate passare senza la piacevole vista delle more?
  • loretta margherita citarei il 06/07/2012 20:55
    ed io ci faccio le marmellate, ciao, bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0