username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Heléna B

Dove la città che inganna
si traveste da campagna
il verde è un'intuizione

Lei si china stanca
raccatta un fiore giallo
ai piedi del lampione

Nel nero che attende l'alba
Heléna soltanto mostra
I grandi occhi bianchi

I suoi quarti a troppi noti
adesso può celare
vestita di leopardo

Venti volte a notte piange
oppure ci son le botte
a farla lacrimare

Ora che torna a casa
l'asfalto le si oppone
un passo e l'altro avanti

E pensa a quando scalza
sfuggiva ad un leone
correndo tra le zolle

Tornava alla capanna
per tetto della paglia
il padre uno stregone

Discende tre gradini
la chiave nella toppa
accorta a non destare

Le altre Vacche a letto
le prime a rincasare
nella stalla del maiale

Dove la città che inganna
si traveste da campagna
si spegne ogni illusione.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Chira il 04/06/2014 17:43
    Impossibile... nessun commento. Una denuncia, senza stridore, di ragazze africane che si ritrovano per strada, con sogni spezzati. Versi stilati magistralmente ed intensi di verità.
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0