accedi   |   crea nuovo account

A fine giornata

Idee pellegrine frullano in giro
subordinate a un vento prevalente
pronto a mettere fine
ad inutili favelle.

L'ordine moderno consiste
in uno sforzo permanente
dove la voglia di pulizia
riguarda la matrice
di tutte le cose.

L'accenno alla vita dimenticata
è un dettaglio che prende piede
negli uragani
ma anche nelle innocue pioggerelle
e meno ancora.

Il perché di tante cose è oscuro ai tanti
di alcune non dico di averne la certezza
ma una sorte di pudore fa sì che l'onestà,
prima di tutto, trapeli in ogni dove.

Beviamo litri e litri di parole
terribili e vere, finte e dure
a volte a cascate
o a piccole gocce distillate.

Non sempre ci interroghiamo
a fine giornata
sembriamo assenti a proposito
di un vespro che bussa forte.

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 07/07/2012 19:31
    Condivido in modo particolare l'osservazione che lei fa alla fine della sua poesia: "non sempre ci interroghiamo a fine giornata". Nel tracciare un bilancio della giornata, è vero che traiamo un consuntivo di quanto siamo stati ma dobbiamo anche gettare le basi di ciò che saremo perchè l'anelito dell'uomo a migliorarsi deve durare fino all'ultimo giorno della sua vita. Lode all'interrogarsi per cercare di capirsi sempre più e crescere sempre più. Complimenti.
  • Rocco Michele LETTINI il 07/07/2012 11:36
    Una chiusa da meditare... stupenda...
    BRAVA MADDALENA... CIAO

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0