accedi   |   crea nuovo account

Caro amato Carosello

Il sipario è incandescente,
si veste dei fasti seducenti della sera,
la sigla che introduce alla magia;
piccoli, grandi,
nonni, genitori, zii e bambini,
gustiamo ogni sorso,
di nettare spensierato e giocoso
di queste pubblicità abbracciate
a dilettevoli spettacoli;
guarda, mamma,
c'è l'ispettore che sbaglia sempre brillantina,
che buffo è,
l'uomo che imprecando avanti e indietro va,
sulla striscia della Lagostina;
erompe da un fascio di fotogrammi,
la sagoma dell'immortal pulcino nero,
tutti lo maltrattano, ma lui non cade mai,
è leggiadro e fiero, si chiama Calimero.
Ciao, sono Topo Gigio,
mi sentite, teneri piccolini,
siate dolci come me,
gustate la fragranza di questi Pavesini.
Galleggia sulle note imperiose,
del mattino di Grieg,
la fragranza dell'olio che ti tira su,
mentre Mimmo Craig
alla compiaciuta governante,
intonando il supremo tormentone
"la pancia non c'è più, la pancia non c'è più";
ride dal ventre del tubo catodico,
Paolo Ferrari, estasiato e ammaliato,
dal potere di annientare gli aloni,
del Dash concentrato.
Chiamatelo arte,
occasione avvolgente di evasione,
spazio per baciare la pelle della fantasia,
o pubblicità ammantata
di gemme di complice poesia;
certo, era e sempre sarà bello,
cullarsi tra i ricordi spensierati,
dell'adorato Carosello
dove il bimbo il senso apprendeva
di un genuino potersi divertire,
prima di concedersi all'abbraccio di stelle,
del suo dormire.
Ti saluto,
mio caro Carosello,
che per i miei primi sette anni mi accompagnasti,
e poi, morso da una lacerante modernità,
per sempre e in un lampo,
ti addormentasti.
Apri ancora nella memoria,
il tuo dolcissimo sipario,
qualche lacrima mi ricorderà,
di quanto eri scintillante e straordinario.

 

4
9 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 08/07/2012 10:06
    Quelli erano li tempi belli, che mai più ritorneranno, ma ne la nostra mente rimangono sempre. Straordinaria davvero!

9 commenti:

  • cristiano comelli il 09/07/2012 20:43
    Sapete una cosa? Vinto da una botta di nostalgia, me ne sono andato su Internet e mi sono risentito più volte le quattro versioni della sigla del Carosello e mi sono ricomparse come in un flash nella mente le immagini di alcune pubblicità, dalla brillantina Linetti al brodo Lombardi con quel tormentone "non è vero che tutto fa brodo", alle ricette di Aldo Fabrizi (di cui vorrei ricordarmi un po' di più, vedremo se saprò fare qualcosa in merito), al lamarasoio Bic di Franco Franchi, ai bis amici dei biscotti Colussi. Mamma mia, quante se ne potrebbero citare. Caro Carosello (scusate il bisticcio di parole) quanto mi manchi. Le mie parole non sono davvero nulla di fronte a quello che mi hai saputo dare in termini di divertimento ed evasione. Ma so che non tornerai, ahimè...
  • Don Pompeo Mongiello il 09/07/2012 07:15
    La recensione si riferisce all'opera e mi sembra più che apprezzabile, in quanto al commento è stato inserito erroneamente e non si riferiva né all'opera né all'autore. E chiedo scusa anche allo staff del sito, di essermi lasciato prendere.
  • Anonimo il 08/07/2012 17:33
    sono più grande i t caro mico e mi hai riportato indietro nel tempo.."Carosello" era da noi bimbi tanto atteso... Calimero... la brillantina linetti... l'ispettore sheridan... quaunti ricordi... dopo Carosello.. tutt a letto... grazie per avermi riortato indietro nel tempo felice della mia fanciullezza...
  • Don Pompeo Mongiello il 08/07/2012 11:44
    ma qui va dell'esistenza del sito, caduta in mano ad incompetenti, che dovrebbero essere liquidati davvero.
  • cristiano comelli il 08/07/2012 11:38
    Grazie davvero al Carosello per avere allietato tante nostre ore. Anche se ero molto piccolo, come detto, ho potuto godermelo per qualche anno. E alcuni di quei ricordi li ho inseriti qui. Grazie a tutti e viva il Carosello.
  • Vincenzo Capitanucci il 08/07/2012 08:25
    Come tutte le cose... che non potevano durare (Calindri)... anche Carosello sparì... lasciando un vivo piacevole ricordo (un meme)nei nostri cuori...

    Bravo Cristiano... Ava come lava...
  • cristiano comelli il 07/07/2012 23:43
    Tutto vero, cara Viola. E le sue parole non fanno che farmelo rimpiangere di più. Perchè alla Rai non pensano a riproporlo?
  • viola il 07/07/2012 23:27
    Che bello il Carosello. Quanti ricordi. Penso che sia rimasto nel cuore di chi l'ha vissuto. Era un momento di serenità prima di andare a dormire per noi che eravamo bambini. Guai perderlo. Fa parte di quelle cose che non si dimenticano e che rimangono nel cuore.
  • cristiano comelli il 07/07/2012 22:32
    Considero il Carosello una delle più belle invenzioni della televisione italiana e mi rammarico del fatto che non lo trasmettano più ormai da anni. Mi rendo conto, però, che i tempi sono cambiati. Quella era una pubblicità che obbediva sì, e ovviamente, alle leggi del commercio, ma voleva proporsi in modo giocoso; quella di oggi, invece, privilegia la velocità nella propagazione dei messaggi e gli effetti speciali che si sono sostituiti a quegli sketch esilaranti che caratterizzavano numerosi spot. Ricordo a me stesso quanto personaggi hanno nobilitato il Carosello, da Totò ad Aldo Fabrizi, da Macario a Manfredi, da Bramieri a Ubaldo Lai, e tantissimi altri che ricordo con affetto e rimpianto. Figure come ispettore Rock, tenente Sheridan, ma anche disegni animati come l'omino della Lagostina che andava avanti e indietro, Calimero, carmencita della Bialetti, sono un patrimonio per me da raccontare ai bambini di oggi che devono sapere come si divertivano (anche) i bambini di ieri. Carosello era una festa, peccato che gli sia stata spenta la luce. Ho fatto in tempo appena appena a vederlo, perchè quando chiuse i battenti avevo sette anni. Ma ne ho un ricordo nitidissimo a dispetto della giovane età che allora avevo. E voglio davvero ringraziare di cuore il Carosello per essermi stato compagno di tante sere nonchè rendere omaggio a chi lo ideò partorendo un'idea geniale che è andata avanti per ben vent'anni. Il Carosello, per me, non morirà mai.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0