accedi   |   crea nuovo account

Spread

Inesorabile lo spread ritorna
a mettersi in primo piano
e non ha niente di bello
il suo occupare la scena.

Il governo dei tecnici balbetta
i critici tristemente gridano
che l'avevano subito detto
e la speculazione impazza.

Chi fa una breve vacanza
al cuore ha un colpo
altri tagli presagendo
nell'estate sahariana.

E c'è rimpallo di colpa
corsa al si salvi chi può
agli annunci di sciopero
mentre il paese affonda.

 

3
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • andrea il 09/07/2012 19:24
    mio caro amico nessuno può fare i miracoli, questo governo essendo tecnico (quindi senza paura di perdere futuri voti) sta facendo ciò che dovevano fare quelli precedenti, certo rode che alla fine sono i più deboli a pagarne le conseguenze e poi fino a poco tempo fa scagli la prima pietra chi conosceva lo spread, piaciuta, un salutone

3 commenti:

  • Michele Prenna il 09/07/2012 18:27
    Questi versi nascono sull'impressione per l'ennesima impennata dello spread nonostante le "amorevoli" cure di questo nostro governo tanto lodato dall'europa e dai giornali, forse meno dagli italiani.
  • loretta margherita citarei il 09/07/2012 17:38
    condivisa, è un gran macello, amico mio, la gente che lavora è super tassata
  • augusta il 09/07/2012 13:52
    è una buona critica... complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0