PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mi bevo il cielo dagli occhi

Mi bevo il cielo con gli occhi.
Piango lacrime d'azzurro
mentre avide le vene chiedono un sorso
d'assenzio o del sacro vino rosso
come le labbra che la mia mente si figura
tra la veglia e il sonno.
Mi bevo il cielo dagli occhi
mentre la mia carne
mi domanda per quale motivo io
non sia già dentro la tua anima,
quando una goccia di sangue
può colorare per intero il tuo mare.
Mi bevo il Cielo dagli occhi
e la luce, di cui a gran sorsi mi ubriaco
quando mi chiedo se sei tu
ciò ch' intravedo al di là del sole,
o se è soltanto il riflesso
di un bicchiere di vino rosso.

 

3
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 08/08/2013 04:24
    Splendida... complimenti

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0