accedi   |   crea nuovo account

Feroci incroci

Vedo mordere ancora e ancora,
cattiveria e perfidia accoppiarsi in putridi incroci
nuovo fiato e nuova linfa alle bestie feroci
lorde e colanti nei loro pasti atroci

in canina smania nell'altrui dignità
affondano il ghigno
in fondo allo sfascio dell'umana carcassa
ogni fibra nervosa collassa.

 

4
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 13/08/2012 15:08
    Lirica molto forte, ha un tenore Dantesco, esprime l'attualità dei tempi contemporanei, atroci. Piaciuta tantissimo!
  • Anonimo il 11/07/2012 21:42
    Conturbante lirica complimenti

3 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 16/07/2012 20:48
    Serve a volte sfogare la propria rabbia. Il vero problema è che rabbia e perfidia non finiscono mai. Apprezzata!
  • Anonimo il 11/07/2012 17:33
    Non riesco a capire che tipo di origine ha il male. È già scritto nel nostro DNA? Perchè altrimenti non riesco a capire!
    Comunque la rabbia, la tua rabbia e la mia e di chiunque altro che nel dna ha ben distribuito i codici delle normali emozioni e sopratutto della sensibilità e bontà, è la rabbia dettata dall'impotenza! Ucciderli, mai! allontanarli non puoi. Quello che si può fare è continuare ad essere -noi- "benedetti" dalla scienza e sperare che quella stessa scienza possa un domani estirpare quei codici del male!
    Bellissima MG!!!
  • loretta margherita citarei il 11/07/2012 16:38
    e sì s'incrociano cattiveria e perfidia, apprezzta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0