accedi   |   crea nuovo account

Immutabile

Per tutto ciò che nel tempo resta
immutabile
oltre la sottile ironia
d'un vento sfavorevole


Per tutto ciò che la forza elargisce
tra le pareti di ghiaccio di un orgoglio
nel trasfigurare l'impossibile in probabile
nello stillare un dubbio onorevole

Per tutto ciò che l'occhio puo' cogliere
al di là della muta della serpe
lo sferragliare di treni in corsa
il calore che confonde le tempie

Ignorando la similare immagine d'un riflesso
che imprigiona la sorte dal naso adunco
gli orizzonti entrano nelle pupille
e vi dimorano imperituri
imperi.

 

6
3 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Maurizio Cortese il 08/08/2012 16:16
    Immagini estreme nel contrasto ardito, con una chiusa impagabile nel sottolineare il valore parmenideo dell'immutabilità.
  • Raffaele Arena il 14/07/2012 03:33
    Una visione assolutamente onirica e allo stesso tempo concreta. Ben scritta ed emozionante. Niente è immutabile, anzi tutto è illusione, e noi siamo prigionieri dei nostri sensi all'interno di un incanto meraviglioso e doloroso. Mi piace questa tua poesia perchè mi permette di muovere i neuroni, farli ragionare, litigare trà loro. e poi è scritta in modo meraviglioso, ti invidio di cuore e con affetto. Piaciuta parecchio.
  • Rocco Michele LETTINI il 11/07/2012 20:42
    UN CORREDO ESEMPLARE... IL MIO ENCOMIO PER QUESTO TUO MIRABILE VERSICOLATO...
    CIAO LAURA
  • Anonimo il 11/07/2012 19:49
    Mica male... curata la scelta delle parole. Danno alla poesia un che di stoico, imponente, immutabile appunto. La tua poesia sembra una statua. Inoltre trovo fantastico il tuo tentativo di dare alla poesia un'impalcatura, un tono di lettura, un ritmo solenne. Interessanti le immagini dell'ultima strofa: la sorte dal naso adunco e gli orizzonti che entrano nelle pupille... quella degli occhi che si spalancano è una sensazione molto difficile da esprimere secondo me. Bel lavoro.

3 commenti:

  • augusto villa il 17/07/2012 23:18
    Dice bene Raffaele, cara Laura!... È quello che mi ha sempre affascinato nelle tue poesie... quella capacità di "muovere neuroni"... E lo stile?... Il tuo, inequivocabilmente tuo!
    Ciao! ----
  • Janco B. il 11/07/2012 22:25
    Ciao Laura.
    Ecco quello che vale la pena di esplorare, se mai valesse la pena di persistere nell'esplorazione. Il picco, l'abisso, il collante del finto nonsense che lascia il dubbio che propriamente nonsense non sia, ma nel caso sopra piuttosto espressione di grado elevato, semmai esistesse qualcosa di elevato, nel senso di difficile da risolvere... il soggetto imperante in verso quindici, il punto di riferimento cosmico e chissà, magari terreno in proiezione oltre... e ancora...
  • loretta margherita citarei il 11/07/2012 20:24
    notevole , veramente bella ciao laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0