accedi   |   crea nuovo account

Domani morirà Charlie Parker

sono andato là e li ho visti
alcuni
URLANO
altri
RIDONO
altri
PIANGONO
ma tutti
proprio tutti
stanno
MORENDO
spengendosi
lentamente
dileguandosi
in silenzio
come il fumo
di una candela
uccisa da un alito oscuro
stanno
MORENDO
nascosti al mondo
da mura alte
e materassi bianchi
oggi ad esempio è morto
OSCAR WILDE
domani morirà
CHARLIE PARKER
dopo aver suonato
un ultimo bepop
Adesso sto scrivendo
questa poesia
seduto ad un caffè
coi tavoli in legno
la pioggia fa piangere
la vetrata
gli uomini si ubriacano
le donne urlano
i figli scopano
il mondo è banalmente cattivo
ma lentamente
MORIREMO
anche noi
e io mi chiedo
se in realtà il
manicomio
non sia
questo

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • sara rota il 21/09/2007 16:37
    La morte prima o poi bussa alla porta di tutti... famosi e non... l'importante è essersi goduti in pieno la vita e tu seduto a quel caffè sembra lo stia facendo...
  • Antonio Pani il 30/08/2007 16:08
    Uno sguardo sensibile e attento verso il mondo, descritto con stile ed efficacia. Mi piace, come sempre. Bravo, a rileggersi, ciao. Antonio. (p. s.: gira il mondo, costantemente, e noi con lui...).
  • Luca Calabrese il 28/07/2007 13:37
    Bella complimenti...
  • francesco sobberi il 25/07/2007 10:49
    Nonostante sia pubblicata con il centrato è una gran bella poesia a cominciare dal titolo. ciao
  • Diana Moretti il 16/07/2007 15:49
    Non è la morte in sè che sconcerta, quanto l'indifferenza e l'oblio.. il mondo è cattivo perchè ci condisce di banalità, ed è vero, sarebbe veramente roba da matti farci risucchiare in un mondo simile..
  • Giorgio Carana il 12/07/2007 19:02
    ti lascio questo commento mezz'ora prima di andare al lavoro. Vado a suonare! Faccio testamento? Bravo Duccio. 9
  • Ezio Grieco il 12/07/2007 17:35
    ... che bello poter scrivere, seduto ad un caffè, mentre la piggia fa piangere la vetrata; sai che ispirazione? Bella, bella, bella
    Clezio
  • Antonello Gualano il 10/07/2007 09:26
    stilisticamente originale e dannatamente profonda. "la pioggia fa piangere le vetrate", espressione fantastica. Quando scriverai qualcosa di brutto fammi un fischio, visto che fino ad ora non ci sei riuscito! ciao da Antonello
  • marco moresco il 06/07/2007 10:32
    ebbene sì, siamo tutti matti, con barlumi di normalità, che forse è la vera follia, giovani e cattivi i tuoi versi Duccio
  • Duccio Monfardini il 05/07/2007 15:48
    grazie a tutti x i commenti, x me sono quelli che contano roberto, x sapere cosa pensate e per ricevere consigli e critiche. i voti mi sono bastati (bassi) a scuola. cmq grazie mille x la tua attenzione e x il tentativo di alzare cmq il voto.
  • antonella ninni il 05/07/2007 01:54
    ciao duccio.. chissà proprio che il vero manicomio sia in questo mondo... belli e profondi i tuoi pensieri.. bravo.. con simpatia antonella
  • Anonimo il 04/07/2007 13:18
    Hai proprio ragione caro Duccio il vero manicomio è qua fuori, ogni istante che viviamo ci dà conferma. La cattiveria e l'egoismo si è impossessato del mondo, di questo assurdo mondo che alcuni diversi trovano invivibile, io tra quelle. Complimenti per i tuoi pensieri rivolti al sociale. Ciao
  • roberto mestrone il 04/07/2007 12:24
    Ciao Duccio!
    Molto intensi i tuoi pensieri, come sempre!
    Son riuscito ad alzare un po' il tuo voto medio.
    Continuo a non comprendere i soliti voti bassi anonimi : oggi lo sconosciuto ''eroe'' è particolarmente attivo!
    Un abbraccio, Duccio.
    Ro
  • robibreak. il 04/07/2007 11:59
    crudele e amara come la vita.. da brividi. dieci.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0