PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Per non parlar del cane

Dei,
divinità d'ogni sorta
d'ogni colore e foggia,
ci son serviti
per far luce
nel buio senza scienza.

Servono tuttora
per l'illusione antica
di non finire
come i fratelli nostri
topi, scarafaggi, zanzare,
perché l'animo nobile
del pollo e della gallina
non l'abbiamo.

Per non parlar del cane
fedele ascoltatore
delle noie nostre,
che finisce la sua esistenza
su un'autostrada
delle vacanze nostre.

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 12/07/2012 21:31
    UNA TOCCANTE REALTA' DEL NOSTRO QUOTIDIANO... APOSTROFATA CON RETTITUDINE

2 commenti:

  • Anonimo il 29/07/2012 20:04
    Ogni cane ha il suo personale destino, dissimile rispetto a quello degli altri. Un saluto gentile, Fabio.
  • loretta margherita citarei il 12/07/2012 20:15
    condivido ed applaudo piaciutissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0