accedi   |   crea nuovo account

Come un uccello

Quando la siesta soverchiava il giorno
e per le strade sonnecchiava il sole
per un'oretta il borgo si arrestava
e del paese il corso s'incantava.
Un corso stretto, con le case in pietra,
poco selciato e qualche pollo a spasso.
In quel silenzio dal profumo antico
soltanto un passo, un risuonare amico.
Il vario avanzar di suoni e di gorgheggi,
l'echeggiar di trilli ornato e modulato,
la soave sequenza come d'un vibrato:
dell'usignolo il canto vellutato.
Era lui, che solitario passeggiava
e col fischiare amato ricreava,
fedele voce e verso d'ogni uccello,
raro e solo signore di quel dono,
era un colono, si chiamava Aniello.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Maurizio Cortese il 18/07/2012 09:06
    Ugo Mastrogiovanni sa sempre regalare ai suoi lettori qualcosa di unico: in questo caso dipinge, da provetto acquarellista del verso, il momento della pennichella nel suo paese natale, momenti di calma assolata deliziati dallo zufolare di un colono.
  • Grazia Denaro il 16/07/2012 17:26
    Una bella poesia evocativa che sembra un quadro d'altri tempi
    con una dettagliata e lodevole descrizione, opera apprezzata!
  • Rocco Michele LETTINI il 14/07/2012 21:52
    Un lodevole versicolato... riesumare l'Aniello e la sua primavera di suoni... Scorso quasi con velata melanconia...
    BUONA SERA...

10 commenti:

  • salvo ragonesi il 11/09/2012 12:30
    con le tue poesie è come passare da una delizia all'altra. sono in'utili altri commenti ciao salvo
  • anna rita pincopallo il 01/09/2012 19:24
    incantevole poesia magistralmente scritta bravissimo
  • Don Pompeo Mongiello il 21/07/2012 12:31
    Ammirevole davvero questo poetare straordinario davvero!
  • PIERO il 18/07/2012 23:15
    Ugo canta, da par suo, l'irrompere armonioso di una persona semplice nella cappa afosa di un piccolo paese mediterraneo.
  • Anonimo il 16/07/2012 13:59
    come un quadro antico... pieno di particolari sempre molto bravo Ugo... leggerti vuol dire arricchirsi sempre con stima carla
  • Vilma il 15/07/2012 08:14
    bellissimo questo quadro d'altri tempi, versi scritti abilmente e piaciuti molto...
    buona domenica
  • mariateresa morry il 15/07/2012 00:22
    Ugo, sei sempre abile a ricreare quadretti rustici, immagini per molti di noi davvero scolorite. Lo fai sempre con garbo e naturalezza, è un piacere leggerti. Ti mando un carissimo saluto et augurio di una buona estate! Morry
  • Teresa Tripodi il 14/07/2012 22:56
    Gran maestria e canto meraviglioso dei suoi versi Ugo... sempre un piacere delizioso leggerla...
  • Anonimo il 14/07/2012 20:41
    La pace di un antico borgo e un uomo che ha il dono di ricreare versi di svariati uccelli! Entra così anche la natura in quel silenzio, a far cornice, aggiungendo melodia a melodia.
  • loretta margherita citarei il 14/07/2012 20:33
    bellissima descrizione, come se con le parole avessi pittato un bucolico quadro, ciao ugo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0