PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Per padre Davide Maria Turoldo

Germoglia tra tremori gelidi
di soffi di parole incontrastabili,
questa fede che scolpisce incerta,
diari di ricerca e solitudine;
Dire non so,
se la mis missione di rivestirmi
dell'eburnea coperta di stelle di quel Dio,
che si manifesta in ribollente anafora,
tra balbettii palpitanti di preghiere,
abbia potuto stringere la mano alla vittoria.
Cara, adorata vergine Maria,
ti ebbi presenza di saldo focolare
ma anche testimone silenziosa
del mio ontologico smarrimento;
tu soltanto fosti,
ombra di luce tenue e discreta,
che leggere sempre sapeva,
oltre quanto la mia poesia non diceva.
E tu, Chiesa,
ebbra delle tue inviolabili risposte,
ignara, o forse consapevole,
di quel tuo essere talora,
meretrice scomposta
di una mondanità tentatrice
che lasciasti essere sonnifero pugnalante
della tua fragile coscienza,
per quante notti scegliesti
di nasconderti dalle tue stesse domande,
di ritrarti dalle onde purificatrici,
delle contrizioni cui ti conduceva,
quel Vangelo che spesso hai svergognato?
Guarda, laggiù,
dove l'orizzonte si scorge
barbaro tramortitore del sole,
c'è tutto il senso inesplorato
del mio inventarmi poesia,
piangere sulle spalle invisibili
ma in fondo così palpabili
del Padre Nostro,
rigurgiti di lacrime del cuore,
che sgorgano dal grembo infuocato,
di qualche ancestrale salmodia.
Ricomponi la tua missione,
ecclesia omnium,
sii ancella di vitrea evidenza,
d'una verità che scuote,
e strappa l'uomo per sempre,
all'effimero sonno
di un'abbagliante mortalità.

 

3
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • cristiano comelli il 15/07/2012 17:43
    Grazie, cara Loretta. Ho voluto documentarmi un pochino prima di cercare di affrontare questa figura certamente scomoda e spesso non allineato sull'ortodossia, pronto a bersagliarla quando si accorgeva che essa diventava un vile ossequio alla modernità secolarizzata che pretende di disfarsi di Dio e della sua presenza. A questa figura nobilissima tanto sul piano umano quanto su quello artistico ho inteso accostarmi in punta di piedi, come peraltro anche a quelle di cui mi è già accaduto di parlare su questo sito. Certo, la sua lezione di un'adesione critica alle verità evangeliche, da leggere, direi, come capacità di vivere davvero il Vangelo nella quotidianità e senzs protagonismi inutili, resta e deve essere fatta costantemente fiorire. Penso che padre Turoldo sia senz'altro, anche oggi, la "fede che ragiona" in contrapposizione a quella fede supina che non mette alla prova se stessa perchè non vuole mettere il naso fuori dai conventi o dalle chiese. Cordialità e grazie.
  • loretta margherita citarei il 15/07/2012 17:35
    adoro questo prete, perchè metteva in pratica il vangelo, grande poeta molto mi piacque la sua poesia che invitava i frati ad uscire dai conventi ed andare, come santo francesco, fra la gente, apprezzatissima, bravo cristiano

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0