PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fissa immobile

L'Arno danza soave e leggero
mentre seduta qui ascolto la vita
soffiare fra i capelli
ardere il lento fluire dell'acqua

anime sconosciute vagano sui ponti dell'esistenza
colombe bianche che ansimano libertà
e irraggiungibili si adagiano teneramente
nel caldo abbraccio delle nuvole

il tempo inesorabile
scorre su Firenze
mentre l'anima mia
resta fissa e immobile
fra cielo e vita
fra vento e solitudine.

 

7
7 commenti     7 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 11/10/2013 12:12
    apprezzata, complimenti..
  • STEFANO ROSSI il 19/07/2012 17:23
    Già letta tempo fa, su un foglio dannatamente stropicciato perchè venuta in un momento cosi. . . . . La sintassi è essenziale, vero, ma come dice Raffaele: talvolta è un ostacolo. Lo scritto della Pini è un quadro, e quei versi semplici schizzi di colore. A mio parere avrei tolto il secondo "fra" nell'ultimo verso ma poco importa è decisamente un bello scritto. MI PIACE UNO SCOPPIO ihihihih
  • Raffaele Arena il 18/07/2012 16:11
    Entro nel merito del commento di Urogallo. La sintassi in una poesia talvolta è ostacolo a quello che si vuole esprimere. Sono appassionato dei poeti ermetici. Utilizzano un metodo in apparenza semplice ma in realtà se fatto con criterio e studio, difficile e dirompente. Come vedere un quadro impressionista. A me questa poesia, Lavinia, mi piace uno scoppio, cioè tanto tanto.
  • Anonimo il 18/07/2012 12:02
    Mi è molto piaciuta, l'unica critica che ti muovo, ma è una questione di gusto personale, è che avrei voluto vedere un po' di sintassi. Ottima la chiusa semi-circolare.
  • Maurizio Cortese il 17/07/2012 14:54
    Poesia dai toni crepuscolari, sospesa tra sogno e realtà, con immagini suadenti che si vorrebbe fermare, tra cui spicca quella delle colombe bianche: ottima prova.
  • Grazia Denaro il 17/07/2012 14:28
    Una bella lirica i cui versi decantano emozioni e lo scorrere del tempo su Firenze con il proprio carico d'anime, apprezzata!
  • Rocco Michele LETTINI il 17/07/2012 10:31
    Dal pessimismo... un suggestivo decanto...
    CIAO LAVINIA

7 commenti:

  • Lavinia Pini il 19/07/2012 17:33
    Oh Rossi.. questa l'ho scritta su un tovagliolo.. che nn avevo niente su cui scrivere se nn quello!! ahah.. d'accordo su quel "fra".. ma senza trovo la frase troppo sospesa.. con cosa potrei sostituirlo maestro??
  • Lavinia Pini il 18/07/2012 13:14
    Ti ringrazio Urogallo Selvatico per la sincera critica.. solitamente, per me, sono più costruttive rispetto ai semplici complimenti. E ora che me l'hai fatto notare, effettivamente risulta un po' carente riguardo ad una struttura sintattica corretta... in realtà è quasi voluto, ti dirò. In particolare cercavo di riportare al lettore la confusione che avevo del momento, nonostante fosse un attimo di infinita chiarezza di immagini che però dentro si moltiplicavano nella mia fantasia e si accavallavano una sopra l'altra...(è un po' difficile riportare le sensazioni spiegandole in maniera efficace e comprensibile ).
    Adesso però non vorrei che questa volontà di riportarle esattamente come le ho sentite, tolga alla poesia la capacità di far emozionare e costringa il lettore a trovare solo qualche immagine buttata qua e là, senza captare le emozioni del momento!
    Mi solleva comunque il fatto che ti sia piaciuta
  • roberto caterina il 17/07/2012 18:29
    Bella questa tua lirica classica nei contenuti e nei versi..
  • Anonimo il 17/07/2012 14:53
    bella Firenze... la conosco molto bene... bella lirica brava...
  • Lavinia Pini il 17/07/2012 13:51
    Molte grazie Andrea!
  • Andrea Pezzotta il 17/07/2012 13:40
    La cara firenze fa da sfondo e accompagna le tue emozioni e le tue parole! molto bella
  • Lavinia Pini il 17/07/2012 12:55
    Ciao, grazie!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0