accedi   |   crea nuovo account

Terrificante Verità

Corre.
Le braccia in avanti,
l'occhi chiusi di paura.

Dietro all'uomo realtà;
avanti a lui illusioni.

Non v'è terra sotto i suoi piedi.
Non v'è aria fra le sue dita.
Non v'è cielo sopra di lui.

La vita, così leggera.

Esausto, si ferma.
Si volta;
sua bocca si piega,
suo naso si torce,
suo occhio divaga.

Lei sorride;
punta lo scarno indice,
apre la mostruosa bocca
e insieme grida
e stride e sussurra
e singhiozza e ride.
E in silenzio, dice:

"Provi paura, ora?

In molti, qui,
sono giunti;
né uno di loro,
ha osato.

Il mio nome..."

Ora tutto vede, l'uomo.

Alle orecchie porta le mani;
e suoi occhi sbiancano
e nervo si tende
e 'l respiro soffoca.

Ed ora è silenzio
e parola di lei è fine...

"... è Verità".

L'uomo grida!

Terrore lo invade;
cuore si ferma;
Respiro, lo lascia.
Di lui, resta
polvere.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 02/08/2012 10:24
    Una poesia che sembra una regia... le immagini si susseguono incalzanti e la fine è agghiacciante. A me è piaciuta ma è anche vero che in questo sito va di moda il miele.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0