PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il giochicchio

il pensiero più arzillo è di violenza
ho imparato che non posso ignorarlo
e così ho cominciato a lasciargli lo spazio che desidera
in questo modo spero di trovare la strada della sua nascita
e raccontargli che mi è stato utile
le cose sono già mature al loro inizio
il resto è pura passeggiata
ma le scarpe messe con cura portano lontano
e non fanno venire i piedi gonfi
andiamo dolce caro sentimento di odio
portami a vedere come sei nato
che spero di poterti raccontare
di altri giochi
di nuove attrazioni.

 

4
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 14/08/2013 04:35
    Molto apprezzata.. complimenti.
  • Anonimo il 18/07/2012 15:33
    questa poesia mi sembra che narri di una verità confutabile... il male, come il bene è dentro di noi sin dalla nostra nascita!!!

2 commenti:

  • laura cuppone il 22/08/2012 10:58
    stupenda...
    che ti ci vedo, a mangiare sul vivo
    quel sentimento... punto rosso... nel nero.
    il resto una passeggiata...

    grande giuliano!!!!!
    Lau
  • augusto villa il 12/08/2012 16:17
    Bellissima...
    "andiamo dolce caro sentimento di odio, portami a vedere come sei nato"... Davvero profonda ed emozionante.
    ------

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0