PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Incubo di un sogno

Correvo a piedi nudi
su di un prato di grano
appena mietuto.

Irti spuntoni uscivano dal terreno
penetrando la tenera carne
profonde ferite
lasciavano macchie di sangue
come di papaveri addormentati.

Correvo a piedi nudi
verso il fresco ruscello
nella verde boscaglia.

Grandi crepacci ricoprivano l'arso letto
la calda estate lo aveva seccato
l'aria era cruda e afosa
niente che potesse consolare il dolore
per dissetare una profonda sete di sapere.

Correvo a piedi nudi
verso la grande quercia
il cappio di seta ben intrecciato.

Austeri rami formavano la chioma
ne bastava uno solo per essere esauditi
tutto era pronto per giungere al termine
la seta tessuta il cammino percorso
il luogo trovato il desiderio sentito.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 18/07/2012 16:59
    L'INCUBO... UN SOGNO... TANTA POESIA...
    BRAVA STELLA... CIAO

2 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 24/07/2012 11:51
    Un serto estivo con un cocktail rinfrescante e fantastico come questa tua straordinaria!
  • Anonimo il 18/07/2012 17:39
    Solo un incubo poeticamente ben trasmesso, Stella... è solo un incubo che per fortuna ti ha fatto paura e forse svegliandoti la vita ti è parsa ancora più bella!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0