username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La Vite

Ritorno a questo pergolato.
Un sussurro di foglie cupe
e tralci dimentichi e rappresi
nello zucchero animato dagli insetti.

Questa vite non è morta,
così nodosa s'afferra al davanzale
riprova ad inserirsi nella crepa,
ad aprire del marmo la fessura.

D'estate il suo fogliame
sin sotto la finestra.
Ne sentivamo il frescore
l'ondulata presenza
e talvolta con la mano,
le spettinavi la tenera chioma.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 20/07/2012 22:28
    Un dipinto emozionale, con parole esatte, calzanti, che danno la sensazione del presente, e di come sia trasformata la natura, di come combatta, e vinca, nonostante tutti gli errori umani e disumani. Bellissima. Un bacio.
  • STEFANO ROSSI il 19/07/2012 17:35
    Mia cara Mariateresa i tuoi scritti mi lasciano sempre una forte emozione anche questa tua opera è veramente bella quanto nostalgica... brava... un abbraccio.
  • Anonimo il 19/07/2012 11:02
    Versi raffinati per questa lirica autobiografica e soprattutto di celebrazione della vita. COmplimenti.
  • Anonimo il 19/07/2012 08:19
    Preferisco non vederci metafore o altri riferimenti. Per me questo pergolato è bello così com'è. Anzi, bellissimo. ***** Franco

10 commenti:

  • Maurizio Spreghini il 15/09/2012 15:17
    splendida... il sito mi dice di scrivere ancora qualcosa per onorare nel migliore dei modi la tua ode, credo che se scriverei altro sarebbe un ingiustizia per le tue parole sussurrate qui...
  • Anonimo il 23/07/2012 11:53
    Meravigliosa, Teresa, qui sei dolce, malinconica, eppure positiva e solare; una poesia intrisa della tua classe sopraffina Kisses
  • Gianni Spadavecchia il 22/07/2012 17:13
    Versi davvero delicati e ben scritti..
  • stella luce il 19/07/2012 11:40
    versi molto belli sia che si intraveda in essa la tua figura che no... l'immagine descritta è dolce e bella, piena di tanta forza e speranza
  • vincent corbo il 19/07/2012 11:40
    Sei una vera autrice: è come se possedessi un cilindro magico e di tanto in tanto ne estraessi delle chicche sempre diverse per la gioia di noi lettori.
  • roberto caterina il 19/07/2012 11:26
    molto bella Maria Teresa e del mio genere preferito...
  • Tony Golfarelli il 19/07/2012 10:44
    bella immagine... bella scrittura... piaciuta...
  • Ellebi il 19/07/2012 10:41
    Non è rara a Venezia questa vegetazione che cresce indomita fra le pietre. Ci sono angoli di verde incantevoli, ma, perlopiù, nascosti all'interno di cortili inaccessibili. Immagino che che questa Vite, che ti rappresenta, e che sembri con affetto accarezzare, sia in un luogo a te caro. Saluti
  • mariateresa morry il 19/07/2012 08:31
    Metafora, per metafora... la Vite è una immagine di me.. grazie ragazzi!
  • Fabio Mancini il 19/07/2012 08:11
    Una bella metafora della vita che cresce e si sviluppa ovunque. Forse anche noi dovremmo osservare i vegetali e restare più attaccati alla vita e meno alla morte? Ciao, Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0