accedi   |   crea nuovo account

Le mie speranze

Ho qualcosa che vi può interessare,
una particella del mio cuore si è mossa stamane
ed è andata verso il cielo.
Sento adesso il respiro del tempo giungere,
sento scuotermi i pensieri,
soggiogare la mia indole
come treni che si incontrano, quasi destini che dipartono.
È nella mente che stanno i miei progetti,
stanno dalla parte delle cose che vincono i ricordi.
Ho delle speranze racchiuse dentro,
mi spingono lontano a cercare l'aria che mi fa vivere,
ma non servono.
Non bastano per avere costruzioni addosso,
per avere e sentire singulti che ottenebrano.
Questo dolore vicino non rallenta,
quello che porto dentro impedisce la coerenza
in quello che vedo e in quello che sento,
ma io grido in questa notte,
volendo qualcuno che mi ascolta,
ma nessuno mi presta un sentimento buono
accanto alle mie brezze, ai consumi lungo le mie sponde,
lungo i sentieri che mi portano lontano
e sempre più lontano l'urlo del mio dolore mi chiude i sensi,
come una lamina sottile e discreta,
una sincera apostrofe del nulla,
come un compromesso voluto e silenzioso della mia notte.

 

4
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 20/07/2012 06:45
    Speranze d'una toccante e profonda realtà...
    Concordo nel struggente versicoato...
    CIAO MARINO

3 commenti:

  • stella luce il 21/07/2012 09:45
    urla di dolore nel silenzio della notte... tristi versi
  • Anonimo il 20/07/2012 16:57
    SPERANZE profonde ed intime, che sgorgano da un tormento tra l'anima dell'autore con una realtà triste e malinconica. Ogni emozione provata e poeticamente descritta dall'autore, è l'espressione di una fervida sensibilità timida nel manifestarsi. Testo apprezzato!
  • Gabriella Afa il 19/07/2012 23:50
    Bellissima poesia... versi tormentati che nascono da un animo inquieto e cupo. Bravo Marino mi è piaciuta moltissimo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0