accedi   |   crea nuovo account

A ro vai

Dinte a luna
nun vegu cchiù
la faccia toja
sincera,
i soffru, i soffru
e tu nun ci stai,
vai vai
ma a ro vai
i songu ca,
ammore,
straziante ammore,
nun viri ste lacrime
che scenneno scenneno,
chianu chianu,
e songu tutte spine
che lu coru miu
u sangu
jettar fannu,
e tu,
indifferente tu
vai vai,
e nun te 'borta
niente
ca i
pe' te chiagnu,
pe' te a vita mia
nu stracciu
addivenutu è.

 

1
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 21/07/2012 08:49
    Un canto d'amore disperato e una musica che sale verso il cielo. ***** Buongiorno Don Pompeo. Franco
  • Anonimo il 20/07/2012 21:17
    Una lirica in un dialetto che è musica. Complimenti.

2 commenti:

  • silvana capelli il 22/07/2012 15:04
    Addirittura emozionante! se ti leggesse la luna, di donerebbe una sua lacirma. Molto bella!!!
  • Grazia Denaro il 20/07/2012 21:39
    Una bella lirica dialettale, molto musicale... Dialetto campano? Apprezzata Don!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0