accedi   |   crea nuovo account

Al di là del niente

Lo corpo
da lo sordo colpo
de na baionetta
se affloscia e cade
e non è più:
ma lo Spirto
ne le più alte sfere
volando,
lo Suo pensiero
imperituro
porta.

 

4
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Maurizio Cortese il 22/07/2012 22:05
    L'eternità del pensiero: ascendenze kantiane ed hegeliane.
  • Rocco Michele LETTINI il 21/07/2012 18:46
    È FILOSOFIA DON... IMPECCABILE COME SEMPRE... CIAO
  • Anonimo il 21/07/2012 13:30
    Ode che celebra l'eternità dell'anima e di quello che ognuno di noi lascerà in chi resta. Complimenti.

4 commenti:

  • silvana capelli il 22/07/2012 14:59
    Quando il corpo muore, l'anima vola direttamente a DIO! Là vivrà nel tempo per l'ternità. Ottima, sempre bravo.
    cordiali saluti
  • augusto villa il 22/07/2012 00:06
    Bella, ben scritta e semplice nelle sue immagini... propone un forte credo da me condiviso... Bravo! ---
  • rosaria esposito il 21/07/2012 17:53
    bella, Don... bella! l'imperituro nostro spirito...
  • sergio il 21/07/2012 14:39
    il corpo cessa ma l'anima con lo spirito vivono. Concisa e bellissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0