username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Dove non mi prenderai

È un tramonto dove non mi prenderai
questo

nell'incoscienza crudele dei nostri inutili corpi

nel susseguirsi rapido delle vite
come la luce delle stelle dietro al velo della notte

Ora che sono questo ruvido asfalto
sulle porte dei miei pensieri ventosi

che la fine di un vecchio disco in vinile
suona frasi di amore perduto

Ma non mi prenderai dove adesso come pioggia me ne vado
dove c'è più di un orrido silenzio
e i bambini sono treni verso i prati di Aushwiz

Non darmi sulle labbra le tue dolci parole
la tua carne nella stanza del mio buio deserto

solo un'ombra di solitudine sulla tazza dei miei passi

avrà il tempo di un'alba

e sarà mani sul tuo seno per morire.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Andrea Calcagnile il 04/02/2015 21:40
    Bella poesia d'amore e malinconica, complimenti.
  • lucia cecconello il 10/08/2008 21:22
    profonda bravo ciao
  • Maty' Sessa il 10/07/2007 21:57
    e molto bella e toccante: bravo
  • sara rota il 05/07/2007 16:52
    Una fuga, ma anche un arrivo... L'ultimo verso mi piace molto... "mani sul tuo seno per morire..." un non distacco, un'unione infinita.
  • Claudio Amicucci il 05/07/2007 16:51
    Una bella fuga, non c'è che dire! Dall'amore o da una lei. Ma pur sempre una fuga! Cmq belle espressioni, da leggere e rileggere per andare nel profondo. Ciao Claudio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0