PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Di un 15 settembre di tanto tempo fa..

Il cielo, le stelle, il nostro prato fatato
dov'è andato, dov'è finito l'Amore stasera?
Amore non dire,
Amore non mi fare morire!
Tutto quello che è stato non più
E foto e pensieri a mille
Ma il cuore vuole smettere, Amore
E sono improvvisamente metà di quel che ero
La tua bocca non più quella dei baci
Le tue mani non più quelle delle carezze
I tuoi occhi, non più quelli nei miei
Amore non più Amore mio
Ma dove mi hai portata,
Quando l'hai pensato,
Come l'hai capito,
Perchè l'hai provato?
Che io non sono e non sarò...
Ma ti ricordi l'Amore, Amore?
E provo ad ascoltare i nostri respiri vicini
Come mai più
E provi ad ascoltare i nostri respiri vicini
Come mai più
Ti dico di non poter fare a meno dei nostri respiri e respiro
quell'aria di attesa dove l'incenso si perde e ci nasconde
Amore Ragiona,
Amore Sente,
Amore prova la Mancanza
e con quegli occhi, quelle mani e quella bocca
per un attimo incerti
mi guarda, mi tocca e mi bacia nuovamente...

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • francesca morosi il 15/01/2010 15:01
    mi hai fatto venire i brividi ( e non e' facile). Bravissimo! Un abbraccio, Fx
  • marco moresco il 25/09/2007 09:58
    la parola amore compare una decina di volte, ma non fa salire il tasso glicemico di chi legge, anzi, questa è la tua forza, la semplicità delle cose quotidiane che si esprime in modo non scontato... te l'ho già scritto? no, vero?
  • Claudio Amicucci il 13/08/2007 01:04
    È bella Roby, forte, ti dà sensazioni quasi da brivido:quell'amore che c'è, ma non c'è, ma ti bacia nuovamente... struggente! Ciao Claudio
  • Valerio Palma il 17/07/2007 11:09
    Piaciuta molto anche questa... Scrivi in maniera assai spontanea e scorrevole con immagini a tratti fortemente evocative...
  • roberto mestrone il 06/07/2007 14:18
    Lirica molto appassionata... con accenti accorati.
    Molto suggestivo il verso: '' .. quell'aria d'attesa dove l'incenso si perde e ci nasconde...''
    Ro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0