PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fuori stagione

Su lo core
me rimbombò
na voce
a me
ben nota,
mentre ne lo giardino mio
na rosa rara
appen spuntò;
e quanno
le du' bellezze
se cozzarono,
a me
como no pesce de april
lassaron,
seppur lo Sor Leone
a la capa
me stona
e mai nun smette.

 

1
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 28/07/2012 12:45
    Ottima musicalità dei versi in vernacolo e grandi evocazioni. Complimenti.
  • Rocco Michele LETTINI il 27/07/2012 16:19
    L'ho presa come una favola... ho peccato Don?
    Lo vernacolo e lo stile è impeccabile... qui non fallo...
    OK OK OK

4 commenti:

  • Marco Briz il 27/07/2012 21:17
    Particolarmente apprezzata... bravo
  • loretta margherita citarei il 27/07/2012 19:42
    molto apprezzata complimenti don
  • roberto caterina il 27/07/2012 17:47
    Una bella poesia in vernacolo. Apprezzata.
  • Grazia Denaro il 27/07/2012 12:47
    Una bella poesia dialettale, con un vernacolo dei versi molto, apprezzato Don!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0