PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I fagioli

M'è capitato ancora
sgranando i fagioli
freschi per una zuppa
di rammentare i giorni
mezzo secolo distanti
della tavola contadina.

Primi mesi autunnali
con la monda dei secchi
baccelli della leguminosa
cara alle mense invernali
nella dimensione agricola
da fanciullo frequentata.

Affiorano con gli anni
ricordi di piatti unici
e nessuna schizzinosità
con le pentole borbottanti
per gli appetiti robusti
della mia verde età.

 

3
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 12/08/2013 06:32
    Molto piaciuta, complimenti..
  • Rocco Michele LETTINI il 27/07/2012 18:18
    Il caviale dei nostri avi... mirabilmente rimembrato...
    IL MIO PLAUSO MICHELE... CIAO
  • Anonimo il 27/07/2012 17:00
    Mi ha ricordato il celebre quadro, piaciuta anche a me!

3 commenti:

  • stella luce il 27/07/2012 22:45
    il cibo, come i profumi, è capace di portare la nostra mente in luoghi lontani vissuti... pare di vivere quei versi, anche perchè in parte vissuti... dolce e malinconico...
  • laura il 27/07/2012 17:55
    Molto originale! Mi fa pensare alle sere invernali quelle fredde in cui la zuppa di fagioli ci scalda e ci riconsola di tutta la giornata passata!
  • loretta margherita citarei il 27/07/2012 16:36
    deliziosa poesia complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0