PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'onaismo

Sono secoli

che non amo

se non mercenario.


E non come

cuore dovrebbe e puole

sisà, la necessità è basica,


poi pompo pace

e or disteso respiro

e vedo luce,


senza aspettar

senza pretese

una Sella mi cerca.


Ma se un si entra in congiunzione...

vabbè mi accontento di un erezione

a buon fine però.

 

2
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 28/07/2012 14:46
    ..."vabbè mi accontento di"... è un grido... disperato...
    IL PROFONDO DEL VIVERE... EVIDENZIATO MAGISTRALMENTE...
    CIAO RAFFAELE
  • Anonimo il 28/07/2012 14:37
    Ottima... davvero ben scritta e originale!
  • Anonimo il 28/07/2012 13:51
    Ahahhahahahahha!!! Ama te stesso e il resto verrà da sè!

4 commenti:

  • mariateresa morry il 29/07/2012 17:44
    Dico, sei grande! Ma guarda te come hai tratteggiato di un argomento, dove bastava un nonnulla per scadere in trivio, con una acutezza ed una ironia uniche. Plaudo carissimo!!
  • angela ambrosini il 28/07/2012 15:25
    mi piace molto, bravo.
  • loretta margherita citarei il 28/07/2012 15:24
    raf, scusa l'errore,
  • loretta margherita citarei il 28/07/2012 15:24
    disperato erotico stomp, vecchia canzone di lucio dalla, apprezzatissima faf

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0