PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Avrei dovuto impegnarmi nella scuola

avrei dovuto impegnarmi nella scuola
per farmi una posizione introdurmi nella società
così mi veniva detto in collegio quando ero ragazzo
e tutti i torti non li avevano
visto che ci si deve preoccupare della sopravvivenza
nella società organizzata complessa

le foglie dei platani al parco già a terra
poste dal vento in ogni angolo
sotto le piante dove i passi non temono
bagnate dalla pioggia d'ottobre si fanno rosse
in un luccichio che dà riverbero al cielo
odorano di bosco nell'umido che fa felici gli scoiattoli
i gatti abitudinari visitatori
lasciandoli tranquilli
l'aria è un'altra aria da quella di città
pur essendo nel suo ventre prigioniera
è lontana nei ricordi di bimbo che solo sentivo
e dal passato mi porto appresso
con l'odore dei pini nel tesoro di pinoli di allora
il tempo era quello che non si muoveva
dando a vedere nel suo sguardo lontano
i giorni futuri come infinito

avrei dovuto impegnarmi nella scuola
per farmi una posizione introdurmi nella società
non mi era stato detto però
che dopo la società veniva il resto
bisognava fare i conti con tutto l'universo
e che questo è tanto infinitamente più grande
non bastando i compiti scolastici
né l'impegno laborioso nell'industria per far bene
sentirsi in armonia conchiuso
sulla terra in qualche modo ci si arrangia
nell'universo par di essere aquiloni sospinti dal vento
con la pioggia vicino lontana a minacciare

le foglie dei platani al parco già a terra
bagnate dalla pioggia d'ottobre si fanno rosse
in un luccichio che dà riverbero
odorano di bosco nell'umido che fa felici gli scoiattoli
l'aria è un'altra aria da quella di città
il tempo era quello che non si muoveva
i giorni futuri come infinito

 

2
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 29/07/2012 14:50
    Lo piango anch'io... ed il posticino che occupo mi è tanto stretto se penso alle aspirazioni da bambino... Senza le mie cretinate scolastiche sarei su altra poltrona... io gli errori li sto pagando... Troppo tardi... per un ripensamento... e l'etade non torna indietro...
    Letto con rammarico il Tuo sensibile versicolato... CIAO PIERO

2 commenti:

  • Anonimo il 29/07/2012 13:52
    Mi ha penetrata profondamente questa tua attualissima poesia!
    È prosa di tanti giovani... Vi ho davvero tutti "nel cuore". Che la nostra società si svegli, rinneghi finalmente le sue miserie più recenti, pensi finalmente in modo serio a VOI.
    Un abbraccio. Vera
  • loretta margherita citarei il 29/07/2012 10:45
    anche con il diploma di laurea, il lavoro non c'è, per vivere, pur se con titoli di studio, faccio l'operaia, piaciutissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0