accedi   |   crea nuovo account

Così dico al mio vecchio padre

La vecchiaia
non ti disfece.
La demenza
non aggredì
la tua mente.
Un aria
di buon vecchio,
mezzo saggio,
te la consegnò
la morte,
che giunse di soppiatto
a dividere
le nostre carni,
ma non riuscì
a distruggere
quel sapore intenso
di mosto,
che accompagnò
la nostra breve esistenza.

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 04/08/2012 08:22
    Separarsi da un genitore è un dolore insopportabile, ricordare sapori, consigli ed esperienze di vita comune, lo attenua un poco.
  • Ettore Vita il 30/07/2012 11:14
    Dolce, piena di amore filiale, di venerazione.
    Mi ricorda il distacco da mio padre e mi commuove.

1 commenti:

  • Anonimo il 23/08/2012 19:37
    L'espressione " a dividere le nostre carni" è da brividi... padre portato via troppo presto che rimane per questo intatto dal disfacimento terreno, come un dio ma... a te sarebbe piaciuto comunque tenerlo accanto ancora. Il mio l'ho visto andar via tra sofferenze atroci, anziano... cambiano le sfumature ma lo strazio di questo strappo lo conosce solo chi lo prova. Bellissima commovente dedica!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0