username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Congedommi, oh scusate, mi congedo

Sul dorato piedistallo,
ritto s'issa l'Urogallo,
che accorso è ad ammaestrare
chi a poetar vole imparare.

Ei soltanto tien l'arcano
del rimar maturo e sano
or udiamol tutti quanti
noi poeti dilettanti.

Ei che serba sì divino
il verseggio sopraffino
ben superbo ha rivelato
dove noi abbiam fallato.

E se poscia nol capite
tutto ei rispiegherà,
e'che tutto già ha compreso
nella giovenile età.

State desti cari bardi
che con pugna o con procella
ei scagliar vorrà i suoi dardi
quando l'ode è men che bella.

Or vi dice un po' Cristiano
ascoltate il vostro cuore,
e tenetevi lontano,
da un cotal millantatore.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 06/07/2013 09:40
    Mi era sfuggita Ti ho letto solo oggi Cristiano... che dirti... di Urogalli ne ho incontrati tanti.. non conosco questo.. mai loro pareri... non mi han mai toccato...
  • Rocco Michele LETTINI il 30/07/2012 16:09
    EH NO GETTARE LA SPUGNA PROPRIO NO...
    C'È CHI TI APPREZZA E NON VUOLE QUESTO...
    SU... GIANNI... HAI USATO UN TERMINE LEOPARDIANO PER FARCI CAPIRE QUAANTO TI COSTA SOFFRIRE...
    CIAO... TI SEI SFOGATO VERSEGGIANDO MIRABILMENTE...

16 commenti:

  • Fabio Solieri il 02/08/2014 14:39
    Purtroppo dei saccentoni rompiballe se ne trovano sempre, l'unico mio consiglio è IGNORALO, lascialo cuocere nel suo brodo
  • luigi deluca il 27/03/2014 13:28
    sembra quasi una stornellata romana
  • karen tognini il 27/08/2012 18:33
  • Donato Delfin8 il 01/08/2012 11:21
    Urogallo invita pure quello Selvatico
  • Donato Delfin8 il 01/08/2012 11:03
    Ciao a tutti.
    Vi invito a continuare la discussione sull'ultima mia opera che parla prorio di questo zigh!
    Lasciate la vostra opinione.
    Verranno richieste allo staff tecniche per evitare che utenti siano presenti con cloni ed evitare diatribe ecc ecc
    forza su su partecipate alla discussione
    a prestolo
  • Francesco Marsili il 31/07/2012 16:35
    Buongiorno a tutti. Ho letto con molto interesse sia questa poesia sia l'altra commentata da Urogallo.
    Ora, premettendo che non ho nessuna intenzione di fare il difensore d'ufficio di nessuno (visto che io ed Urogallo ci conosciamo da tempo) ma ho trovato la sua reazione, Cristiano, frutto di un ipersensibilità a mio avviso fuori luogo. Questo mi sembra un buon sito, accessibile a molti, oserei dire che per certi aspetti è uguale ad un forum, parola che significa piazza. Ora, quando usciamo di casa e andiamo in piazza, chi incontriamo? TUTTI. Se allestissimo un banco con le nostre merci in bella vista TUTTI potrebbero vederle e commentarle, no? Stesso discorso vale anche qui, almeno credo: postiamo qualcosa e siamo soggetti alla pubblica opinione. È ovvio che la maleducazione è sempre fuori luogo, ma critica sincera (e perchè no, costruttiva) non significa, almeno per me, maleducazione.

    Detto questo, trovo anch'io sia una poesia molto divertente e salace. Cercherò di leggere qualcos'altro di suo, tempo permettendo. Saluti!
  • Urogallo il 31/07/2012 16:03
    A me, destinatario dell'invettiva, e' piaciuta: salace, musicale e divertente. Pero' un dubbio mi prende: non crede di esagerare un po', per un mio misero commento? Se sono un giovanotto presuntuoso, come mai tanto la infastidisco da spingerla non solo a impiegare del tempo per comporre questa deliziosa lirica, ma anche a lasciare il sito? Se i miei commenti non le piacciono, non commenterò più le sue poesie, di certo non mi interessa dare fastidio gratuitamente. Pero' vorrei fare un attimo chiarezza: non sono un personaggio oscuro ne' faccio parti di misteriose lobby, sono solo un ragazzo con gusti poetici suoi che non sempre sono condivisi. Comelli, lei davvero mi fa torto a ridurre quanto scrivo al lessico aulico, ma non e' questo il problema: a me sembra eccessiva la sua reazione, tutto qui.

    Porgo le mie sincere scuse a chi si sia sentito infastidito dal mio comportamento, perche' certo non mi diverto a offendere, pero' vorrei che non mi si dipingesse come quello che non sono.
  • Sergio. A. il 30/07/2012 18:52
    quando ho visto che era tua ho subito voluto leggerla, avevo intuito che il tema potesse essere questo.
    Non ti nascondo che mi è piaciuta, le rime sono molto fluide e mi piace il tono canzonatorio che esprime.
    tuttavia mi sembra che il tuo comportamento si stia dimostrando un po' "puerile" (passami il termine), ovviamente non ti sto attaccando, ma arrivare a scrivere dei versi al riguardo, mi sembra davvero eccessivo, essendo tu una persona matura, mi sarei aspettato maggiore distacco da parte tua. detto ciò ho avuto la possibilità di leggere alcune delle tue poesie, e mi sono molto piaciute, ed è un peccato che tu abbia deciso di andare via.
    Buone Vacanze
    Sergio
  • Anonimo il 30/07/2012 17:38
    Premesso che si rispetta ogni posizione, che la si condivida o meno, mi pare però che qui c'è un accanimento con una persona perché a te ha dato l'impressione di uno che si erge su un piedistallo. Ripeto, il tuo parere è rispettabilissimo, anche se onestamente non mi sembra sia né un millantatore né un presuntuoso, ma abbandonare un sito in cui si pubblica per via di una persona mi sembra una scelta poco felice. Io allora dovrei prendere a pugni decine di persone. E comunque le critiche che a volte sono presenti nei commenti, se sensate e costruttive, sono un tesoro prezioso.
  • Anonimo il 30/07/2012 17:17
    Rimani e continua a scrivere. Il vero problema sta nel fatto che tanti di questo sito si sentono arbitrariamente grandi poeti, scrittori affermati e critici letterari di alta qualità, promuovendo o bocciando a loro piacimento e secondo l'umore del momento, il malcapitato di turno. Non si sono resi conto che siamo dei semplici dilettanti che scrivono per hobby. Si sono costituite delle lobbies di "intenditori"che sputano sentenze e che spesso non conoscono nè la grammatica, nè la sintassi italiana. Non rispettano chi non scrive e non la pensa come loro che spesso hanno un retaggio culturale alquanto diverso dalla persona contro cui si accaniscono. Le critiche devono essere pacate e costruttive e non si devono tramutare in offese dirette alla persona che scrive di cui non conosciamo la vita o il bagaglio culturale che tante volte è superiore a quello di colui o colei che lancia invettive. Per confrontarsi con gli altri ci vuole umiltà e larghezza di vedute. Ti auguro una buona serata. ciao da Roma. Enza
  • loretta margherita citarei il 30/07/2012 15:57
    mio caro amico, ti consiglio di rimanere, non tenere conto delle critiche, continua a postare il tuo pensiero, purtroppo questi personaggi oscuri, ogni volta che appaiono, fan sì che molti autori se ne vanno, tanto che penso lo facciano apposta a scoraggiare gli altri e danneggiano il sito, ti stimo moltissimo e mi duole non poterti leggere più, 1 bacione
  • Anna Rossi il 30/07/2012 15:37
    anche io sono un'assenteista del sito. nn si può produrre poesie come broccoli nell'orto. ma andare via no. solo pause. e riflessioni. mi chiedo se scrivere testi su questo sito vuol dire fare un blog. o scrivere solo per amici degli amici. o scrivere esclusivamente per l'innamorato/a writer del sito. o buttare giù parole a tutte le ore.. così tanto per dir.."ci sono".. rimani Cristiano, pur se nn comprendo bene il motivo del tuo allontanamento. ti invito a ripensarci. io leggo quasi quotidianamente il sito, ma solo per questione di tempo e di lavoro nn sempre commento. con stima, Anna.
  • cristiano comelli il 30/07/2012 15:32
    Loretta cara, ma sai benissimo che questo non è il mio stile, era solo per scimmiottare un po' il destinatario e le sue "escursioni didattiche" non richieste. Comunque la mia decisione non cambia. Un grosso abbraccio a te, grazie per l'attenzione che mi hai sempre riservato e che sempre serberò nel cuore come una preziosa pepita.
  • loretta margherita citarei il 30/07/2012 15:30
    caro cristiano, ogni tanto sul sito appaiono figure tipo urogallo, postano poco ma commentano tanto, non ti risentire, anche se credo che la migliore onestà sia fare la critica usando il proprio nome e cognome, senza inventarsi nomi posticci a coprire l'identità, comunque c'è la piena libertà d'espressione, basta però che non si trascenda a volgarità a ledere la dignità altrui, la poesia è tra le mie preferite, per come è mirabilmente scritta. complimenti
  • cristiano comelli il 30/07/2012 15:03
    Con tale burla, perchè non la definisco poesia come farebbe colui a cui è dedicata pensando che l'importante, per fare poesia, sia usare solo versi aulici che mascherano il nulla, mi congedo definitivamente dal sito. Ringrazio di cuore tutti i veri poeti che mi hanno fatto crescere con le loro riflessioni, ungrazie particolare a Karen, Vincenzo Capitanucci, Franco Buniotto, Loretta Citarei, Anna Rossi, Trapasso (mi scuso ma non ricordo il nome) e altri che sicuramente mi staranno sfuggendo. Li porto nel cuore, e porto nel cuore ciò che mi hanno insegnato. Un augurio a tutti di felicissima vita. Cristiano.
  • Nicola Saracino il 30/07/2012 15:02
    Non so chi sia la vittima di questa invettiva, ma non è importante... è una poesiola di buon ritmo, che "con pugna e con procella" diverte con un po' di sana ironia. N

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0