PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Inferno, III Canto

Non e' per copiare il Grande Maestro,
ma ormai e' scritto su tutte le porte,
incisione catastrofica ma essenziale.
Al di la', Caronte vestito da banchiere,
aspetta di traghettarti nel mutuo infernale.
Lonza, leone, lupa, le tre ferie,
hanno sembianze di : trader, consulente, direttore.
Al contrario delle prime pero',
ti azzannano con eleganza e gentilezza
e le lor zanne si chiaman rate!

"Lasciate ogne speranza, voi ch'intrate"

 

2
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • ernesto musiari il 02/08/2012 08:15
    ok, l'avevo interpretata in altro modo, in effetti il significato della frase e' quello che mi hai spiegato tu.
    ti chiedo scusa. ciao
  • Alèd il 01/08/2012 21:27
    ... con i piedi per terra.. non è una critica ma una metafora che ci riporta al nostro quotidiano fatto di spread, imu, e spending review... Comunque sei libero di pensarla come ti pare.. ciao
  • loretta margherita citarei il 01/08/2012 19:44
    molto originale e condivisa
  • ernesto musiari il 01/08/2012 14:24
    si accettano volentieri le critiche costruttive, non si accettano le battute ironiche senza senso.
    Per me poesia è anche scrivere di fatti quotidiani, originalita', di sensazioni momentanee che poi magari si dissolvono, non solo le solite tiritere su amore ecc ecc...
  • Alèd il 01/08/2012 14:00
    E la poesia si ritrovò con i piedi per terra

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0