accedi   |   crea nuovo account

Quando in cielo giravano gli sputnik

Di quando sono nato non ricordo molto bene
Si trattava in ogni caso di questione secondaria
Già lo sputnik si aggirava nello spazio siderale
E l'America che farà si chiedevano gli americani

A quei tempi di sicuro si scadeva nell'immorale
Se cercavi di capire perché tutti non si è uguali
A scuola mi ricordo si studiava ancora la storia
Delle morti e distruzioni come errori del passato

Poi crescendo ebbi modo di vedere e di parlare
Delle cazzate che intanto si facevano nel presente
Da grande mi dicevo anche il mondo sarà adulto
È questione di tempo, intanto diamoci da fare

È dei giovani natura combattere per un'idea
E la lotta appare giusta, e nobile la battaglia
Ma la storia si ripete, la storia è sempre uguale
La fedeltà a un'idea è un concetto inadeguato

Io ne presi atto, del resto che potevo fare
Per quelli dei miei anni non c'era molta scelta
Da una parte lo stato da combattere per forza
Dall'altra invece si sparava e si ammazzava

Né con l'una né con l'altra fu un approdo naturale
Ci buttammo in musica, un giusto compromesso
I dischi erano neri e giravano tutto il giorno
Ma a canzoni disse Guccini non si fan rivoluzioni

Di quando sarò morto veramente non conosco
Se non che anche stavolta non sarà cosa primaria
Nello spazio i missili stanno al posto degli sputnik
E l'America si chiede che cosa fanno gli americani.

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 02/08/2012 06:01
    Un toccante verseggio di realtade scorsa nella storia dell'umanità ferita e... uccisa...
    IL MIO PLAUSO EDMOND... SERENA GIORNATA

3 commenti:

  • Anonimo il 05/08/2012 12:05
    Erano gli anni della Guerra Fredda. I russi e gli americani i battevano il primato di chi fosse uno il più potente dell'altro, a mio avviso il più incosciente... Caro Ed, lo vedrei bene in uno scritto in prosa, sebbene molto bello alla lettura. Lo metterei nelle riflessioni, sono sempre pezzi di storia e di vita!
  • vincent corbo il 02/08/2012 06:27
    La storia si ripete e noi non siamo altro che un occhio su un disco che gira e ritorna al punto di partenza.
  • loretta margherita citarei il 02/08/2012 04:57
    ERANO PERIODI DIFFICILI, DI GUERRA FREDDA, s'era in ansia x il conflitto che poteva accadere fra l'america ed i russi, la baia dei porci, in cuba ne fu l'esempio, apprezzata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0