accedi   |   crea nuovo account

XXIV Luglio

Morì. E si spense la voce
in un vispo, pianto silente;
pareva il volto sorridente...
Chiusesi il pupillo sì atroce.

Nessun pianto da chi fu accanto
di lagrime fredde e spente.
Forse il cuore sfogò struggente
'l male compiuto, affranto!

Mirava dall'alto dei mondi
la luna d'estate inoltrata,
serena, gioconda, sventrata
dai muti lamenti profondi.

Or pari morta anche tu, luna,
immersa in un stillo di stelle...
Luccican sempre, tanto belle,
fra tiepidi sbuffi di bruma.

Padre, garofani vermigli
che forti posate in quest'ermo
marmo mangiucchiato dal vermo...
Che il ricordo mai s'assottigli!

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Francesco Marsili il 04/08/2012 21:10
    Grazie Loretta. beh, non credo che Pascoli fosse un poeta minore. ahahahaha
  • loretta margherita citarei il 02/08/2012 16:07
    mi ricorda vagamente una lirica di un poeta minore dell'800, del quale mi sfugge ora il nome, piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0