PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ormai

Ormai per me sei come sabbia tra le dita
stringo forte ma scivoli via sempre più
e rimangono le mie mani vuote
protese ad implorare
ancora un po del tuo calore.

Ormai crollate le antiche cattedrali
celebranti i riti di questo stanco amore,
ubriachi di parole, abbiamo dimenticato
le miserie della nostra esistenza
e delle nostre anime impaurite.

Ormai, come un viaggiatore del tempo,
conosco già quel futuro
che non si può cambiare,
quel feroce destino
che porterà all'inevitabile finale
dove tu te ne andrai via da me
ignorando le mie mani vuote,
ancora protese nell'ultima disperata
richiesta d'amore.

 

3
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 02/08/2012 13:30
    molto forte dal punto di vista emotivo... ti rimane appiccicata addosso... vivi complimenti!!!

3 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 02/08/2012 18:50
    Capisco bene ciò che descrivi. per averlo vissuto...
    Tuttavia il tempo lenisce qualunque ferita...
    Un abbraccio
  • stella luce il 02/08/2012 18:47
    molto tristi questi tuoi versi... ma molto bella e sentita...
  • loretta margherita citarei il 02/08/2012 15:53
    triste ma bella piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0