PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Omuncolo - settimo cerchio

Esali fetore d'ipocrisia,
mendace arrivi
dal primo girone dell'inferno,
stretto nelle spalle
volevi sembrare,
curvo su te stesso
ti proponevi di apparire,
pena e afflizione
pensavi rivelare
mentre ancora spargi
sementi di agonia
nelle carni vive
come fosse
acqua benedetta,
per santificare
il tuo potere.

Uno sbadiglio silenzioso
si trasformerà in tempesta,
riempendo di desolazione e angoscia
l'immenso abisso vuoto delle tua coscienza.

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • augusto villa il 23/09/2013 00:04
    Morirà solo... Gli faranno compagnia solo gli avvoltoi... Chissà, forse capirà qualcosa almeno in quel momento...
    Nel tuo scritto... rabbia... e tanta amarezza...
  • Jina Sunrise il 08/03/2013 22:40
    L'erba cattiva non m... Mai! E la libertà è um pesante battito di ciglia! Micky... Jina
  • laura cuppone il 05/08/2012 17:28
    dai???
    ma alla fine però.. io parto!!!!! finalmente!

    bacioni
    tvb
    Lau
  • Michelangelo Cervellera il 05/08/2012 17:16
    LAURAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA,
    pensa che è quasi 2 mesi che ho inviato questa poesia e l'hanno pubblicata oggi!!!
    Intanto si è liberato di me, ma alla fine sono contento.
    Un abbraccio a te, ci vediamo a settembre.
  • laura cuppone il 05/08/2012 17:00
    MICKYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYYY!!!!!
    ecchecavolo!!!
    torni così, all'improvviso con questa bella "Pizza" in faccia all'ex-datore!
    gli omuncoli sono come gli acari... sopravvivono anche dopo una accurata disinfestazione... purtroppo!
    ma credo te ne sia liberato...é lui che non sarà mai libero... da se stesso!

    spero tu stia bene

    un abbraccione!!!
    lau
  • Michelangelo Cervellera il 05/08/2012 16:35
    Ciao Fenice, no per lui e altri come lui di parole ne sono state dette molte, inutile ripeterle, speriamo solo che l'ade se li piglia alla svelta. Qui si tratta proprio di un "omuncolo" il titolare di dove lavoravo, un'unità-carbonio, innamorato si se stesso e del sio gretto potere.
    Grazie per il commento
  • Anonimo il 05/08/2012 14:01
    Ce l'hai mica con un certo senatore a vita?? ... bella poesia! 1

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0