accedi   |   crea nuovo account

Stretto

Questo cosè.

Sopra li grandi muri

delle porte attorno

infinito cuore

vaga terrena cosa

creata da chissà chi

in un palmo

da immagini e fantasie;

circolando in cerchio

un vento corre veloce

lasciando orme innanzi alle porte

fisse nel nulla

impresse nella sabbia ancora calda,

dove il sorriso è sconociuto

le parole incomprese

le redini della mia vita

cercandolo nell'amore

in notti di cristallo,

nella chiusa stanza

il mio cuore

stretto

attraverso l'ombra di un sogno

porte e finestre ricoperte

da un chi non sò,

mille le verità dimenticate

col volto sbigottito

e le bugie che sentirò

una sola risposta ma infinita

indove alberi

da esile tronco immobile figura

faceva parlare cosa mai era

il mio destino fisso nel nulla,

le parole in gola disperse nel mondo

nella vita

correndo lunghi sentieri

ponendo una domanda vuota

chi mi avrebbe mai amato.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 06/08/2012 13:27
    Complimenti per la scorrevolezza di questo testo
  • Anna Rossi il 06/08/2012 13:15
    molto ben scritto. piaciuto..
  • viola il 06/08/2012 11:59
    Versi toccanti dai quali emerge una grande sensibilità.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0