PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un diritto cammino

Crescono storte le idee
non coltivate con amore
si arrampicano verso il cielo
ma non mettono radici
fatte come sono di folle gioia

Invadono strangolano
ogni cosa
e in fine - tentando amore
diventano sorde.

Come farti capire che
un diritto cammino
è la scoperta del cosmo?
Non ci si arriva per prove
ed errori
ma perché ciò che ci chiama
è indistinto e grandioso.

E quando fuori è l'estate di tutti
per noi inizia un inverno
raro e semplice
che chiude e apre
questo altrove dove siamo
non per dimenticare noi stessi
ma per sentire ancora
i primi accordi di un'arpa.

 

2
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 07/08/2012 19:18
    Un estratto dall'animo... corredato da versi... d'intenso!
    Scorso nella mia sensibilità... LA MIA LODE ROBERTO

2 commenti:

  • karen tognini il 07/08/2012 20:22
    Splendida Roberto... bellissimo l'ultimo verso... bella e intensa tutta... E quando fuori è l'estate di tutti
    per noi inizia un inverno
    raro e semplice...
  • Anonimo il 07/08/2012 13:22
    "Accordi di un'arpa" mi hai fatto sentire con questo tuo invito ad accogliere tutto ciò che, anche se indistinto, è certamente "GRANDIOSO" e ci "CHIAMA", irresistibilmente. Almeno chiama chi sensibile è al fascino di quella voce.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0